Notizie | Commenti | E-mail / 19:05


Incidente mortale a Licata: migliorano le condizioni di Angela Cammilleri

Scritto da il 19 giugno 2011, alle 07:05 | archiviato in Cronaca, Licata, Photo Gallery. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

È ancora ricoverata in prognosi riservata, anche se le sue condizioni sono migliorate, Angela Cammilleri, 28 anni, la mamma delle due sorelline morte nell’incidente stradale avvenuto nella tarda serata di ieri alla periferia di Licata. La donna, che ha riportato diverse fratture, si trova nell’ospedale San Giacomo d’Altopasso di Licata dove i medici questa mattina hanno espresso un cauto ottimismo. Secondo la ricostruzione fatta da polizia e carabinieri, la giovane mamma, alla guida della sua Renault Clio, stava per immettersi lungo la statale 115, lasciandosi alle spalle una stradina sterrata, quando è stata travolta da una Bmw X5. L’impatto fra il Suv di grossa cilindrata, guidato da Angelo Vitali, 28 anni, e la Renault Clio è stato violentissimo. Le due bimbe sono morte sul colpo; la mamma è stata trasportata in ospedale. Anche quattro dei cinque occupanti della Bmw – tutti giovani tra i venti e i trent’anni – sono stati ricoverati in ospedale per essere tenuti sotto osservazione; per loro la prognosi varia dagli otto ai dodici giorni. Angela Cammilleri e le figlie Chiara ed Alessia, di 4 e 10 anni, erano state ospiti di alcuni parenti, in contrada Canticaglione, e stavano per fare ritorno a casa. Il papà delle bimbe, Francesco Bruna, di 30 anni, ha appreso la notizia mentre era al lavoro in una pizzeria di Licata.

[nggallery id=182]

La Giunta Graci esprime il cordoglio alla famiglia Bruna per la terribile tragedia che si è consumata ieri sera nel violento incidente tra Licata e Gela con la perdita delle due piccole Chiara e Alessia.

Nutriamo la speranza che la signora Angela possa riprendersi nel più breve tempo possibile.

Come Amministrazione comunale chiederemo un incontro urgente con i vertici dell’Anas e coinvolgeremo i comuni viciniori per una conferenza di servizi sulle criticità della ss 115, che dimostra l’obsolescenza e il rischio quotidiano per i tanti automobilisti che transitano questa importante arteria.





   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google

Clicca per condividere questo articolo su OKNOtizie OkNotizie



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



7 Risposte per “Incidente mortale a Licata: migliorano le condizioni di Angela Cammilleri”

  1. jessica scrive:

    Vorrei soltanto esprimere la mia vicinanza ad una famiglia distrutta dal dolore. Fermiamoci a riflettere e usiamo la testa quando ci mettiamo alla guida. Per un momento di follia,per un piede spinto sull’acceleratore,adesso queste due bimbe non sono più con i loro genitori,i loro sogni svaniti,per sempre. La rabbia è tanta!La mia preghiera è per questa mamma e questo papà, affinchè trovino la forza per affrontare questo “lacerante dolore”.

  2. Carmelo scrive:

    Concordo con Jessica. Non sono solo le strade ad essere pericolose, ma anche gli automobilisti imprudenti, spericolati e pieni di alcol.
    E’ una tragedia leggere della morte di tanti, ma quando muoiono delle piccole vittime il cuore piange di più.
    In questo periodo estivo lanciamo un appello a chi si mette per strada con la fretta e dopo avere bevuto: riflettete perché il rimorso di avere ucciso una persona dura in eterno.

  3. tiziana scrive:

    Sono addolorata per quello che è successo. Non ci saranno parole di consolazione per la famiglia e sopratutto per la madre. Pregherò perchè solo il Sinore Gesù può dare loro la forza per andare avanti in questo momento di dolore.Io mi trovavo li’ per caso ed ho visto i vigili del fuoco ma non mi sarei mai aspettata una cosa del genere.Mentre tornavo a casa da licata riflettevo sulla poca illuminazione della strada. Politici fate qualcosa affinchè storie come queste non se ne sentano più.

  4. Elisabetta scrive:

    è davvero una tragedia orribile questa. Ma nessuno di voi che sparate a zero sugli occupanti dell’altra auto si è chiesto se non è stato un tragico e terribile errore di distrazione della madre delle due povere bimbe?
    Se ci fosse stata un’altra donna alla guida del SUV, avreste parlato di guidatori ubriachi dall’acceleratore facile?
    Perchè viene così semplice a tutti distribuire le colpe a dei ragazzi solo perchè sono giovani?
    Prima di parlare mi accerterei della dinamica dell’incidente e poi magari farmi un’opinione basata sui fatti e non sui preconcetti.
    Il mio pensiero va alle due piccole ed innocenti bimbe che non hanno nessuna colpa e che adesso non ci sono più…

  5. Sdegnata... scrive:

    Carissima Elisabetta, ti vorrei precisare prima di tutto che probabilmente le persone che hanno commentato prima di te non si sono schierati “a favore di…” o contro gli “esseri” che occupavano la macchina per chissà quale motivo, probabilmente senza entrare nel merito della dinamica a livello di indagini che nessuno di noi conosce, una cosa è risaputa ma non per sentito dire ma accertata dai fatti,(informati con le forze dell’ordine) si tratta di tamponamento, quindi ti pregeherei e pregherei “quelli o quelle” come te prima di scrivere inutilmente e prima di sollevare dubbi, sulle responsabilità della madre e inveire ulteriormente sul dolore delle persone coinvolte, di informarsi meglio su fonti certe, prima di parlare , pertanto tu che parli tanto di : “farsi un opinione su fatti e non sui preconcetti” dovresti essere la prima a seguire il tuo stesso consiglio e non sollevare dubbi infondati e inveire ulteriormente sulla povera mamma delle bimbe che tu acclami, quindi il tuo pensiero dovrebbe andare sia a loro ed alla loro mamma che sicuramente tanto le ha amate e che loro hanno amato! UNA SOLA COSA : MENO PAROLE INUTILI E PIU’ RISPETTO !!!

  6. claudio scrive:

    Riferito a elisabetta…nessuno di voi che sparate a zero su….ma non hai vergogna?E tu che cosa hai fatto?E cambia qualcosa se a guidare una macchina è una donna o un uomo?Faresti bene ad accertarti tu dei fatti e dopo fatti pure un opinione , ma impara a rispettare il dolore della famiglia e i due angeli che adesso non ci sono piu’,non importa se si è giovani o grandi ma è importante essere responsabili delle proprie azioni.andare a velocita’ folle vuol dire essere incoscienti,e vorrei vedere se avrai il coraggio di smentire, spero solo che un giorno verra’ fatta giustizia perchè tutto cio’ non accada mai piu’…dimenticavo elisabetta VERGOGNATI!!!

  7. franklynvirus76 scrive:

    RISPOSTA AD ELISABETTA ti invito di persona a venire ad illustrare a me le tue idee su quello che credi di sapere e di venirmi a trovare al piu presto tanto so che hai capito chi srive ti aspetto (non verrai tanto sei di parte)

Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.

Spazio Pubblicitario





CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD