Notizie | Commenti | E-mail / 03:02


Sicilia, stanotte termina lo sciopero autotrasportatori: ogni azione successiva è “spontanea” e non rappresentativa

Scritto da il 20 gennaio 2012, alle 07:11 | archiviato in Agrigento, Campobello Di Licata, Canicattì, Costume e società, Cronaca, Favara, IN EVIDENZA, Licata, Palma di Montechiaro, Photo Gallery, Porto Empedocle, sciopero sicilia. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

CLICCA QUI PER L’AGGIORNAMENTO SULLO SCIOPERO IN SICILIA

Alla mezzanotte di oggi 20 gennaio termina il fermo degli autotrasportatori. L’Aitras, l’Assotrasport, l’Assiotrat e i consorzi di Trapani, Palermo e Catania riporteranno i mezzi nei propri piazzali, lasciando i presidi e i punti di sensibilizzazione, in quanto scadranno i cinque giorni consentiti  dalla legge che regolamenta gli scioperi degli autotrasportatori, questo quanto dichiarato alla nostra redazione dal presidente dell’Aitras Salvatore Bella.

Cinque giorni di blocchi, una regione in ginocchio per la protesta in Sicilia del movimento Forza d’urto, sigla che raccoglie i camionisti aderenti all’Associazione imprese autotrasportatori siciliani, agricoltori riuniti sotto la sigla del Movimento dei forconi e pescatori che, da lunedì scorso, sbarrano strade, ferrovie, porti, per protestare contro l’aumento del prezzo dei carburanti e delle tariffe autostradali.

In tutta l’isola, i supermarket sono semivuoti, manca l’acqua minerale e negli scaffali gran parte dei prodotti sono esauriti. Quasi tutti i distributori di carburante sono ormai chiusi e nei pochi rimasti aperti le code sono lunghissime.

“Non c’è pieno controllo del movimento”, ha detto il Governatore della Sicilia Raffaele Lombardo ai giornalisti che gli hanno chiesto se dopo il vertice di ieri  i blocchi saranno rimossi. “Atti di forza per rimuovere i blocchi? Spero e credo di no. È un movimento ampio, che non è rappresentato da una persona o da gruppi e che sfugge al controllo. Rivolgo dunque un appello a chiunque partecipi ai blocchi di evitare degenerazioni e disagi alla gente. Non credo che ci siano matrici politiche. Noi sosteniamo le ragioni che i manifestanti hanno messo per iscritto su un documento, non condividiamo certo i metodi della protesta”.

Forse i contadini del movimento dei Forconi e pescatori proseguiranno lo sciopero ad oltranza mentre gli autotrasportatori come concordato dismetteranno i presidi nella mezzanotte.  “I blocchi proseguiranno – dice Mariano Ferro dei ‘Forconi – anche se allenteremo la pressione, altrimenti rischiamo una guerra tra poveri”

A Villa San Giovanni, un centinaio di camion sono fermi nei piazzali degli imbarcaderi. I conducenti, infatti, una volta traghettati rischiano di essere bloccati in uno dei presidi attuati sull’Isola e quindi sono costretti ad attendere gli sviluppi della situazione in Calabria. Allo stato la polizia stradale non segnala disagi per gli imbarchi sui traghetti di veicoli e pullman.

Gli autotrasportatori hanno bloccato quasi completamente la rotonda Giunone, nella valle dei Templi di Agrigento. I tir sono stati parcheggiati sul ciglio della strada e il traffico, proveniente dalla statale 640 e dalla Panoramica dei Templi, viene deviato verso la statale 115 direzione Porto Empedocle. Il blocco è presidiato da polizia e carabinieri.

Immagine anteprima YouTube

Sottoscrizione del patto di legalita’. Cosi’ recita il primo punto all’ordine del giorno della riunione convocata per sabato 21 gennaio, alle 10,00, dall’assessore regionale alle Infrastrutture e alla Mobilita’, Pier Carmelo Russo e alla quale sono state invitate tutte le associazioni di categoria del settore dell’autotrasporto.

La riunione, che si svolgera’ a Palermo nei locali dell’assessorato, in via Leonardo da Vinci 161, servira’ anche a riattivare la Consulta regionale dell’Autotrasporto e a mettere a punto nuove iniziative per sollecitare il governo nazionale sulle politiche dei trasporti in Sicilia.

Immagine anteprima YouTube



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



10 Risposte per “Sicilia, stanotte termina lo sciopero autotrasportatori: ogni azione successiva è “spontanea” e non rappresentativa”

  1. Salvo ha detto:

    ma per caso lunedì inizia lo sciopero dei distributori di carburante in sicilia ?

  2. gm ha detto:

    si salvo…..vai a fare subito il pieno

  3. salvo ha detto:

    Povera patria…

  4. francesco ha detto:

    ho paura che facciamo solo l’ennesimo buco nell’acqua

  5. casalinga ha detto:

    NON FERMATEVI!!! ALTRIMENTI NON SARETE, ANZI SAREMO PIU’ CREDIBILI E CI METTERANNO SEMPRE I PIEDI IN FACCIA!!
    RIPETOOOO NON FERMIAMOCI!
    L’UNIONE FA LA FORZA…E LA STORIA LO DIMOSTRA.
    DOCUMENTATEVI!!!! LE GRANDI RIVOLTE SONO PARTITE DALLA FAME! E VISTO CHE ALLA FAME CI HANNO PORTATO…AVANTI TUTTA!!!

  6. casalinga ha detto:

    SE ABBASSIAMO LA TESTA ADESSO…E’ FINITA!
    ABBIAMO AVUTO IL CORAGGIO DI ALZARLA????
    DOBBIAMO ANDARE AVANTI FINO ALLA FINE.
    QUI CI STIAMO GIOCANDO IL FUTURO DEI NOSTRI FIGLI! IL FUTURO DI UNA REGIONE CHE HA AVUTO DIGNITA’ FINO ALL’ULTIMO.
    LE TASSE??? CHE VADANO AD ABBASSARE IL LORO STIPENDIO!!!
    AVETE NOTATO CHE NESSUNO PARLA PIU’ DI QUESTO???
    VERGONA!!!! TUTTI A CASAAAAA

  7. antonio ha detto:

    siamo al cospetto di Dio,questo sciopero e opera nostra come nostre sono le opere che lo hanno partorito,noi siamo il male e noi siamo la cura ma soprattuto noi siamo l’esempio. Non e l’euro che sale o che scende il problema e la mancanza di fede e dove non alberga l’amore del nostro salvatore chi volete che albeghi? Sfruttiamo il nostro tempo nella misericordia e con amore il dio denaro e un dio balocco,non é nemmeno un dio, siamo noi che gli diamo tutta questa importanza sminuendo e evitando cio che invece é piu importante amatevi l’un laltro come io ho amato voi questo vuole il signore altro che scioperi e sfruttatori,e solo fumo negli occhi, un coltello sensa manico fatto apposta per ferirci l’amore invece e misericordia e la misericordia e divina noi siamo l’esempio.

  8. canicattinese emigrato...ma non troppo lontano ha detto:

    … Antò…serve qualcosa di più concreto della fede … dacci un taglio con le frasi da prete…che sono inopportune e inadatte … convinci piuttosto i tuoi amici del vaticano a pagare l’ICI … visto che la evadono INGIUSTAMENTE … dalla notte dei tempi !!!

    P.S.
    vediamo se sarò censurato…come al solito !?!?!?!?!?

  9. apolitico ha detto:

    x canicattinese emigrato:
    forse caro amico scrivendo ste cose, saremo scomunicati dalla chiesa….
    la chiesa la ”evade legalmente”, mischini come fanno a campare?
    avete visto che offerta ha fatto lo IOR per comprarsi il san raffaele????
    250 milioni di euro!!!!!

  10. canicattinese emigrato...ma non troppo lontano ha detto:

    Antò…dimenticavo…ma durante i tuoi lunghi studi teologici…nessuno ti ha detto che esiste anche la E con l’accento … ed ha la funzione di verbo !?!?!?!

    … il loro lavaggio del cervello trova terreno fertile nella vostra ignoranza …

    P.S.
    Questa è pesante…mi sa che la censurano ?!?!?!?!?!?!?!

Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata