Notizie | Commenti | E-mail / 04:02


Provincia di Agrigento, processo “Kamarat”: 11 condanne e 2 assoluzioni, risarcita “libere terre”

Scritto da il 20 ottobre 2012, alle 07:29 | archiviato in Agrigento, Cronaca, cronaca sicilia, Photo Gallery. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Sentenza del Gup del Tribunale di Palermo, Giuliano Castiglia, che ha concluso il processo Kamarat (rito abbreviato). Due assolti ed undici condannati. In sintesi è questa la sentenza emessa all’interno del carcere di Pagliarelli. Angelo Longo, 47 anni, di Cammarata, ritenuto il nuovo capo della famiglia mafiosa del suo paese ha avuto inflitti 13 anni per associazione mafiosa ed è stato assolto (difeso dagli avvocati Maria Brucale, foro di Roma e Michele Giovinco) dall’omicidio del piccolo Giuseppe Di Matteo, nonché, da tutti i reati fini (estorsione, danneggiamento ed altro); Mariano Gentile, 58 anni, di Castronovo di Sicilia 10 anni; Calogero Scozzaro, 53 anni, di Casteltermini, 10 anni così come per Vincenzo Giovanni Scavetto, 70 anni, di Casteltermini; Vincenzo Di Piazza, 71 anni, di Casteltermini, 18 anni (in continuazione con un’altra condanna); Francesco Baiamonte, 64 anni, di Casteltermini, 10 anni; Giovanni Chianetta, 33 anni, di Favara, 10 anni; Vitale Salvatore Collura, 59 anni, di Castronovo di Sicilia, 10 anni; Salvatore Costanza, 62 anni, di San Giovanni Gemini, 10 anni per associazione mafiosa ma assolto dai reati fine; Giuseppe Di Piazza, 43 anni, di Casteltermini, 10 anni; Giuseppe Salvatore Vaccaro, 42 anni, collaboratore di giustizia di Sant’Angelo Muxaro, 2 anni. Assolti Salvatore Giambrone, 43 anni, di San Giovanni Gemini, e Salvatore Fragapane, 55 anni, di Santa Elisabetta, dall’accusa di omicidio in danno di Costantino Lo Sardo. Per quest’ultimo e per Angelo Longo il Pubblico ministero della Direzione distrettuale antimafia di Palermo, Giuseppe Fici aveva chiesto l’ergastolo.

Risarcimento del danno  e pagamento di una provvisionale di Euro 20.000,00  ed alle spese di giudizio liquidate in euro 5.000,00 in favore dell’Associazione Antiracket  “Libere Terre” , il cui presidente  è il noto imprenditore   e Testimone di Giustizia Ignazio Cutrò, il quale si è costituito parte civile , con il ministero  del difensore  Avv. Arnaldo Faro.





   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google

Clicca per condividere questo articolo su OKNOtizie OkNotizie



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.

Spazio Pubblicitario





CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 - Direttore Responsabile Davide Difazio
CanicattiWeb.com è basato su piattaforma WordPress | Versione SPD | Supporto Tecnico, Sviluppo e Hosting: Bluermes Comunicazione Integrata