Notizie | Commenti | E-mail / 07:57


Le novità sull’Anatocismo Bancario

Scritto da il 9 settembre 2015, alle 12:20 | archiviato in Economia, Eventi, Non Solo Fisco, Photo Gallery. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

banca-ditaliaLa Banca d’Italia ha pubblicato la proposta di delibera da sottoporre al CICR in materia di produzione di interessi, in attuazione dell’art. 120 T.U.B.

L’anatocismo è un fenomeno su cui si dibatte, in Italia, da almeno vent’anni, e che ha alimentato infinite dispute e controversie in modo pressoché trasversale interessando il piano legislativo, giurisprudenziale, dottrinale, finanziario, etico ed in generale della società civile; basti pensare che il contenzioso legato alla materia ha conosciuto una notevole dilatazione, ed ha alimentato un mercato professionale altrettanto notevole.

Fino a tutto il 2013 la normativa si basava su una delibera del CICR (del 9 febbraio 2000) che, in attuazione dell’art. 120 del T.U.B. ed in deroga alla disciplina generale dettata dall’art. 1283 c.c., prevedeva delle condizioni precise per la pratica dell’anatocismo; la “Legge di Stabilità 2014” (l. 147/2013) ha novellato il co. 2 dell’art. 120 T.U.B. introducendo delle importanti novità, sostanzialmente favorevoli alla clientela, in base alle quali: “ a) nelle operazioni in conto corrente sia assicurata, nei confronti della clientela, la stessa periodicità nel conteggio degli interessi sia debitori sia creditori; b) gli interessi periodicamente capitalizzati non possano produrre interessi ulteriori che, nelle successive operazioni di capitalizzazione, sono calcolati esclusivamente sulla sorte capitale ”.

A quasi due anni dall’entrata in vigore della l. 147, lo scorso 24 agosto la Banca d’Italia ha pubblicato la sua proposta di Delibera da sottoporre al CICR, proposta che rimarrà allo stato di documento per la consultazione del pubblico fino al prossimo 23 ottobre 2015 e che, in mancanza di “ritocchi”, diverrà definitiva ed applicabile dal 1° gennaio 2016. La delibera si compone di cinque articoli; occorre sottolineare come L’ articolo 5 prevede che la delibera si applichi agli interessi maturati dal 01/01/2016; inoltre gli istituti finanziari hanno tempo fino al giorno precedente (31/12/2015) per apportare unilateralmente le necessarie variazioni contrattuali ai sensi dell’art. 118 T.U.B.; l’unilateralità è permessa dal “giustificato motivo” che l’adeguamento alla nuova normativa richiede. Si ribadisce, infine, che tutte le disposizioni della delibera sono derogabili solo se sostituite da condizioni contrattuali più favorevoli alla clientela.

La delibera non si esprime affatto (e non potrebbe farlo essendo necessario un intervento legislativo) nel merito del periodo di vacatio legislativa, cioè su quanto accaduto fra il 01/01/2014 e il 31/12/2015; in questo biennio, di fatto, l’efficacia della delibera del 2000 è venuta meno in quanto è stato novellato l’art. 120 T.U.B. che ne giustificava la sussistenza, e naturalmente non è ancora operativa la nuova delibera; pertanto l’unica fonte normativa applicabile resta, a parere di chi scrive, l’art. 1283 c.c. che non consente alcuna forma di anatocismo non esplicitamente autorizzata dal clientedopo la scadenza, o conseguente ad una domanda giudiziale.

Per concludere, si ritiene utile fornire un riepilogo delle condizioni necessarie affinché un rapporto di conto corrente si possa ragionevolmente ritenere affetto da anatocismo illegittimo, presumendo che il rapporto stesso prevedesse l’addebito automatico delle competenze:

•  Tutti i rapporto sorti prima del primo trimestre 2000, e che non siano stati estinti più di 10 anni fa, sono affetti da anatocismo nel periodo di operatività compreso fra la data di stipula e il 31/12/1999;

•  Tutti i rapporti sorti in qualunque data antecedente al 01/01/2014 per i quali manca o è stata tardiva la clausola di reciprocità di capitalizzazione e/o forma scritta e/o approvazione esplicita delle parti (purché non siano stati estinti più di 10 anni fa) sono affetti da anatocismo nel periodo di operatività compreso fra il 01/01/2000 e il 31/12/2013 (o termine inferiore corrispondente alla data in cui il rapporto è stato regolarizzato ai sensi della delibera CICR del 2000);

•  Tutti i rapporti che hanno avuto operatività fra il 01/01/2014 e il 31/12/2015, periodo in cui ogni forma di anatocismo è esclusa dalla mancanza di disposizioni attuative della nuova normativa.

IMG_2303Calogero Gallo

Dottore Commercialista



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata