Notizie | Commenti | E-mail / 11:14
                    




Canicattì, Amministrative 2016: cari candidati, fateci sapere….

Scritto da il 30 aprile 2016, alle 06:58 | archiviato in IN EVIDENZA, Politica, Politica Canicattì, Politica provincia, Sassolini. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

faccesognaCari candidati, scrivo questa mia sperando di interpretare  il pensiero di tantissima gente, tra cui i vostri elettori. Ho iniziato ad ascoltare le prime esternazioni e vi prego di scusarmi a priori per quello che andrò a dire. Risparmiateci i discorsi sul nulla, risparmiateci la retorica politica, risparmiateci ciclostilati politici. Questa città grida un progetto. Ecco utilizzate la parola progetto se ne avete uno. Non utilizzatela facendola seguire dalla parola “politico” . Il progetto politico è il nulla se non si parla di azioni concrete, se non si da sfoggio di conoscere le reali carenze di questa nostra città, è nulla se non si ha conoscenza delle reali potenzialità e dei punti di forza che in essa insistono.

Proporsi alla città   senza una road map precisa, puntuale, dettagliata, minuziosa, certosina mi lascia presagire un futuro tutt’altro di ripresa. E allora voglio volontariamente lanciare questa mia provocazione, so di poterlo fare in nome del fatto che conosco personalmente quasi tutti i candidati alla poltrona di sindaco. A loro , ma anche a quelli che non ho il piacere di conoscere , lancio questa mia provocazione che spero possa stimolare il dibattito politico. Progettualità concreta per problemi concreti. Progettualità concreta per un cambiamento concreto. Fateci sapere come intendete risolvere il problema della viabilità, dell’ottimizzazione delle risorse umane presenti in comune, delle strutture abbandonate, della raccolta dei rifiuti, fateci sapere la vostra posizione a proposito dell’acqua, delle scuole. Poi fateci sapere anche cosa intendete fare per rilanciare il terziario canicattinese, fatto da tutti quegli imprenditori , commercianti che rischiano quotidianamente il loro danaro, che creano occupazione e che sono stati lasciati verso una deriva che ha fatto dimenticare che Canicattì è stata capitale del terziario a livello regionale. Fateci sapere come affronterete il problema della sicurezza che è un problema sentito da tutti i cittadini, fateci sapere come intendete ricolorare questa città, ridisegnarla, illuminarla. Fateci sapere come intendete interfacciarvi con altre realtà che hanno cosa insegnarci in vari settori e che hanno dimostrato concretamente risultati da emulare.

Fateci sapere i vostri criteri di scelta degli assessori che vi collaboreranno , per evitare di mettere sul libro paga gente incapace di portare valore aggiunto alla vostra azione amministrativa. Fateci sapere come intendete individuare nuove risorse finanziarie. Fateci sapere qual è il vostro concetto di qualità della vita. Fateci sapere cosa intendete fare per i giovani e che luoghi di aggregazione avete pensato per loro. Fateci sapere se avete un’idea che altri non hanno. Fateci sapere cosa vogliamo fare dell’area artigianale, del parcheggio sotterraneo, del centro sociale, delle strutture sportive inesistenti e di quelle fatiscenti. Fateci sapere con quali strumenti di comunicazione volete rilanciare il paese. Fateci sapere se vi eravate accorti anche voi, prima della vostra candidatura, del portone di palazzo Stella, dei semafori che non funzionano, dell’inferriata di via On Giglia, dell’entrata sud di Canicattì diventata una trappola per gli automobilisti, del chiosco abbandonato e distrutto alla villa comunale. Fateci sapere se vi siete accorti del brutto intorno a noi.

Mi permetto di consigliarvi  per iniziare, di avere un vostro sito internet dove pubblicare le vostre intenzioni, dove la gente vi può contattare e interagire con voi, dove potete accogliere suggerimenti e feedback. Un sindaco 2.0 dovrebbe partire da lì, non ci sono più spazi per chi non comprende che la società è cambiata e chi si candida non avendo questa consapevolezza, commette un gravissimo atto di incoscienza nei confronti di una intera collettività. Non può il paese con il più importante nucleo imprenditoriale della provincia  non pretendere che il primo cittadino non ne sappia una più del diavolo…. Insomma per concludere, fateci sapere.

Cesare Sciabarrà



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



13 Risposte per “Canicattì, Amministrative 2016: cari candidati, fateci sapere….”

  1. Peppe ha detto:

    Provocazione interessante. Sarà interessante vedere quanti di loro partecipano ed eventualmente cosa diranno. Complimenti Cesare. E buona fortuna alla Città.

  2. Rosario ha detto:

    Sempre GRANDE Cesare.

  3. Enzo Cipollina ha detto:

    Io aggiungerei, fateci sapere come rilanciare il centro storico in termini di viabilità e posteggi.
    Fateci sapere come risolvere il problema della sicurezza dei cittadini perché molte persone evitano di passare a piedi in determinate zone della città, specialmente con il buio.
    Fateci sapere come intendete procedere per favorire la creazione di una zona che sia considerata CENTRO e che diventi luogo di aggregazione.
    Poi una cosa che il Direttore ha spesso tematizzzato su queste pagine è il problema dei genitori fermi con le macchine davanti alle scuole negli orari di uscita.
    Molte di queste cose penso siano realizzabili a costo quasi zero sfruttando le risorse umane del comune e le normative vigenti.

  4. Nando ha detto:

    Cari candidati a Sindaco, fateci sapere chi tra voi accoglierà la corrente Corbo, così cominciamo a ridurre le scelte………….Ribadisco, attenti a chi Vi mettete accanto !!!!!
    Il popolo canicattinese si è rinsavito e voterà con coscienza e consapevolezza e non più a favore di uno perchè impossibilitati a votare l’altro. E’ finita l’era della vendetta trasversale, abbiamo toccato il fondo. Riflettete candidati, sarò il primo a rimproverare e sputtanare accordi trasversali e meschini che si faranno sottobanco, e sapete benissimo che non ci impiego molto tempo a scovarli……!!!!!

  5. luigi cimino ha detto:

    Così non vale Cesare, mi devi scusare ma non hai fatto altro che scrivere il programma politico a chi ancora non l’ho ha stilato o perlomeno non ha la minima idea di cosa significhi adoperarsi per la propria città … mi auguro e spero per il bene di tutti che qualcuno prenda come progetto delle cose da fare questa tuo grande come l’hai definita tu ” PROVOCAZIONE”…
    un abbraccio Luigi Cimino

  6. Roberto ha detto:

    Qui il dramma non è mettere in evidenza tutti i problemi che esistono in questa città ma verosimilmente trovare le formule per una loro soluzione. Sulle questioni minime, che non richiedono grosse spese, tutti i sindaci possono intervenire, anche se tanti non lo hanno fatto, ma il grosso problema è come si possa fare per riportare questa realtà in cammino verso una rirpresa ecomica e culturale. Il futuro sindaco ha, quindi, davanti a se un grande muro da superare, l’esiguità delle risorse finanziare. Quindi il risultato sarà un obiettivo difficile da raggiungere comunque.
    AL FUTURO SINDACO CHIEDIAMO COMPETENZA ED ONESTA’ E SCELTE EQUILIBRATE NELL’INTERESSE DI TUTTI, questo sarebbe un primo grande risultato per il resto incrociamo le dita e che anche Roma dia il suo contributo attraverso una politica di rigore che parta dalle stanze del Governo e del Parlamento.

  7. Libero ha detto:

    Alla grande Cesare, vorrei trasmettere ai candidati a sindaco un pensiero formulato da un caro amico e precisamente:

    ” Di tanti beni è facile quantificare il valore, siano essi materiali come un prezioso articolo di gioielleria, una automobile sportiva o una sontuosa villa, o meno tangibili come un prestigioso titolo onorifico o una brillante carriera lavorativa.

    Ma ne esistono due ai quali non è assolutamente possibile attribuire un prezzo: la propria autonomia mentale e la forza di esprimere sempre liberamente il proprio pensiero.

    Ambedue insieme sono lo “stilobate” su cui poggiano le colonne di un maestoso “tempio” che si chiama dignità. ”

    Gli elettori devono votare la faccia “vera” in modo democratico.

  8. Flavio ha detto:

    Per i Candidati alla poltrona di Sindaco, fateci sapere quando asfalterete le strade del paese, soprattutto quelle abitate da fessi che pagano le tasse e non sono MAI STATE ASFALTATE E ASPETTANO DA 10 ANNI IL SIG SINDACO CORBO.

  9. biglittaru(cumpàri di Vitamara) ha detto:

    vi salutu compà, assà avi ca nun ni sintiemmu, ma dimmi nna cosa, a lu cinema nenti si organizza stannu? o nni interessa sulu nantrannu?

  10. mala politica ha detto:

    davanti al dissesto finanziario che ha lasciato il sindaco Corbo, poco si potra’ fare. Il nuovo sindaco avra’ da fare scelte difficili per poter risanare il comune, intanto provare a mettere in riga il personale , e di renderlo efficente , al passo dei bisogni della gente, far arrivare i contributi dell’unione europea , con dei progetti realizzabili. Attorniarsi di gente capace di assessori che vogliono veramente lavorare, e rilanciare la ns citta’.

  11. FRANCO ha detto:

    Giusta osservazione la tua che condivido,a prescindere che il candidato sindaco dovra’ presentarsi con un programma degno di nome ,ma non elencando i problemi che ci sono in citta’, e che sappiamo e vediamo tutti, ma bensi’ con delle soluzioni realizzabili ,senza favoleggiare su progetti che non si potranno realizzare mai, visto lo stato in cui versano le casse comunali,e mi rivolgo ad alcuni candidati consiglieri di documentarsi accuratamente prima di promettere cose che materialmente non potranno mai fare malgrado la loro buona volonta’ poiche’ dietro a determinate situazioni ci sono vincoli, accordi presi e contratti firmati !

  12. UN EX CANICATTINESE ha detto:

    Direttore o SIGNOR Cesare
    le debbo dire che Lei potrebbe essere un ottimo candidato, in quel caso le consiglierei di inserire nel suo programma il tema della terzà età, che come ben saprà oggi rappresentano una risorsa per il nostro paese, ma qualcuno !!!! li ha trasformati in un peso e buttato nel dimenticatoio. I servizi necessari per la loro assistenza che fine hanno fatto.

    Auguri per tutti gli addetti

  13. texwiller ha detto:

    Le verità sordide fanno sempre male e voi, che pure vi autoproclamate al di sopra di verità occulte, cassate i commenti dai quali, quelle verità, traspaiono nude e crude… quelle verità che potrebbero indurre i cittadini ad aprire gli occhi, per meglio capire quale è per loro il minore dei danni ed esprimersi con un voto vero e non compromettente. Complimenti! e disillusi!

Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata