Notizie | Commenti | E-mail / 08:08
                    




Ecco la Canicattì 2.0 ….quella dei cittadini

Scritto da il 30 giugno 2016, alle 09:20 | archiviato in Canicattì eventi, Cronaca, Eventi, IN EVIDENZA, Provincia eventi, Rubriche, Sassolini. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

ongigliaCome far diventare una inferriata un simbolo e motivo di partecipazione civica. Faccio un passo indietro. L’inferriata che costeggia la via On. Giglia, la cosiddetta “circonvallazione” nel tempo è stata sfondata su più punti dagli innumerevoli incidenti stradali accaduti. La precedente amministrazione su nostra sollecitazione ha recuperato le somme erogate dalle compagnie assicuratrici e ha provveduto alla riparazione.

Successivamente è avvenuto un altro incidente e ad oggi l’inferriata è squarciata in per circa una decina di metri. Siamo sicuri che l’assicurazione anche in questo caso avrà provveduto alla liquidazione del danno, ma anche se non lo avesse ancora fatto, il Comune potrebbe provvedere alla riparazione in via d’urgenza perché le condizioni di quel luogo costituiscono pericolo per l’incolumità dei cittadini. Potrebbe quindi girare i costi affrontati alla Compagnia e metterla in mora. Ciò detto la mia personale idea è quella di un coinvolgimento della cittadinanza, quella che realmente ama il paese e non solo le campagne elettorali, a partecipare ad una iniziativa che potrebbe diventare un vero esempio di impegno civico e amore per la propria città realizzando la ristrutturazione di un bene comune a costo zero. L’inferriata in questione misura circa 700 metri.

Nel corso di tutti questi anni non è mai stata soggetta ad alcuna manutenzione se non alle riparazioni di cui sopra. Il buon padre di famiglia normalmente dipinge le inferriate di casa al massimo ogni tre anni. In questo caso ne sono passati dieci e non se ne fatto nulla. L’idea è semplice: organizzare una manifestazione a circonvallazione chiusa invitare la cittadinanza a partecipare a una pitturazione collettiva.

Basterebbe che ogni partecipante si prendesse l’impegno di pitturarne solo 10 metri per far sì che in poche ore si restituirebbe alla città un bene prezioso. Si potrebbe chiedere la sponsorizzazione di alcune aziende che potrebbero fornirci solamente il materiale, pennelli, pittura carta vetrata etc etc. In occasione di questa iniziativa si potrebbero coinvolgere gruppi musicali, bancarelle lungo la via On.  Giglia che distribuiscono panini e bevande per rifocillare i lavoratori, i bambini scorrazzare con le bici , insomma uno vero spettacolo di civiltà e impegno civico. Al contempo realizzare un video con l’ausilio di un drone che riprenda la magnifica iniziativa nella sua totalità e farlo diventare viralmente social.

In tal modo si realizzerebbero tre cose: coinvolgimento civico, ristrutturazione di un bene comune, una giornata di aggregazione cittadina. Il tutto a costo pari allo zero… Perché l’amore per la propria città non scatta solo in prossimità delle elezioni, quindi mi piacerebbe vedere coinvolti in questa iniziativa il Sindaco, la giunta, i consiglieri comunali, i candidati che non hanno vinto le elezioni e tutta la società civile, una grande festa tutti insieme. In questo caso… chi c’è, c’è,  chi non c’è non parla.

Più social di così…

Cesare Sciabarrà



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



5 Risposte per “Ecco la Canicattì 2.0 ….quella dei cittadini”

  1. Salvo ha detto:

    Il coinvolgimento civico funziona quando la macchina amministrativa funziona, altrimenti, secondo me, verrebbe visto come una sostituzione ai doveri degli amministratori e dei dipendenti. Io chiederei un’altra cosa, molto piu utile e remunerativa per le casse comunali, UN BEL AUTOVELOX, cosi la gente non percorrerebbe la pubblica via come su un circuito automobilistico, e i danni alle strutture (pali della luce, inferriate, asfalto, marciapiedi) si ridurrebbero drasticamente. La gente ormai è EDUCATA MALE dal lassismo che impera a Canicatti, e quindi prima di farla partecipare ha bisogno una RI-EDUCAZIONE CIVICA….perchè dobbiamo ricordare che l’inferriata non l’ha rotta e non la romperà mai l’amministrazione, ma il cittadino EDUCATO MALE!

  2. salvatore ha detto:

    Ciao Cesare, ottima iniziativa che va suggerita a chi di competenza!
    Ma concordo con quanto scritto da Salvo; le persone per osservare le regole hanno bisogno di deterrenti, in questo caso un autovelox sarebbe il benvenuto. Concordo anche sul fatto che i cittadini siamo male educati. Il semplice gesto, laddove rilevato, di buttare la carta dal finestrino o lasciare il sacchetto della spazzatura sul ciglio della strada, dovrebbe fare scattare delle sanzioni. Ma ahimè per fare questo (e qui ci vogliono gli attributi in una amministrazione) bisognerà educare principalmente gli addetti ai controlli (il reparto dei vigili urbani).
    Ma mi fermo, perché questo argomento richiederebbe una analisi precisa rilevando le inefficienze e la incapacità di fare anche le cose più elementari.
    Grazie
    Buon lavoro

  3. Gioachino Lo Giudice ha detto:

    Io propongo di aspettare l’esito finale del campionato europeo, così, in caso di esito favorevole all’Italia, si potrebbe dipingere l’inferriata “tricolore”……

  4. buzz lightyear ha detto:

    Ci vorranno più o meno 50 kg di vernice, 50 pennelli, 50 litri di acqua ragia, 10 metri di carta vetrata e 50 volontari. Un briefing di 10 minuti per spiegare come agire e 3-4 ore di lavoro da parte di ciascuno dei 50 volontari.
    E 50 aziende locali che si fanno carico di 20 euro di spese per fornire 1/50 dei costi.
    Certo, amare una città che vampirizza le attività imprenditoriali non è cosa semplice (IMU e TARSU ai massimi livelli), ma credo che in cambio di una minima visibilità anche a fronte di questa amarezza i 1000 euro necessari si raccoglierebbero in poche ore.
    Ergo, caro Cesare:
    1) apri la “pubblica sottoscrizione” su Cw invitando ad aderire alla raccolta dei 20 euro “offrendo” uno spazio in una pagina aperta ad hoc indicando l’azienda partecipante;
    2) chiedi alle associazioni di servizio, alle aggregazioni spontanee ed ai singoli cittadini volontari di registrarsi mostrando la disponibilità ad offrire le 4 ore di lavoro per verniciare i 10 metri di ringhiera
    3) invita formalmente l’amministrazione a fissare la data e far chiudere al transito la bretella per consentire l’evento e la festa annessa
    4) prega un amico di mettere a disposizione il drone e la GoPro per effettuare il filmatino
    5) chiedi alle stesse associazioni di coinvolgere la città nell’evento.

    Io, che sono un imprenditore, dò fin da subito la mia disponibilità a coprire una delle quote di sponsorizzazione dell’evento.
    Sperando che altri imprenditori (ma anche liberi cittadini) diano subito la loro disponibilità.

    Grazie ancora, Cesare!

  5. cesare ha detto:

    Ottima e attenta analisi.. ci adopereremo, grazie a te buzz lightyear

Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata