Notizie | Commenti | E-mail / 22:20


Canicattì: il commento di un nostro lettore promosso ad articolo

Scritto da il 11 febbraio 2017, alle 16:27 | archiviato in Canicattì, Cronaca, IN EVIDENZA. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Trovo talmente interessante e opportuno il commento di un ignoto lettore fatto al mio articolo riguardante l’acquisto della macchina tappabuchi, che ho deciso di promuoverlo ad articolo.  Faccio una piccola premessa; credo purtroppo che su diversi punti del suo commento abbia proprio ragione. Ma io non ci posso fare nulla se mi piace pensare che un giorno qualcosa possa cambiare, se i dissuasori acquistati e pagati da noi possano un giorno essere utilizzati per lo stesso motivo per cui sono stati costruiti. Non ci posso fare nulla se non riesco a rassegnarmi al fatto che per pitturare un portone di un palazzo di rappresentanza sono passati quasi otto mesi e non si riesce a farlo e la stessa cosa per l’inferriata di via On Giglia. Non posso rassegnarmi al fatto che non ci è pervenuta in redazione una sola multa per il conferimento fuori dagli orari previsti. Non posso rassegnarmi nel vedere che il parco Pertini è ancora lì abbandonato e distrutto.  Non posso pensare che il nostro lavoro si debba limitare a segnalare  ogni giorno buche e voragini. Vorrei potere scrivere di un paese che cambia, di un paese che ce la fa, di un paese che fa invidia agli altri, di un paese in cui ognuno vorrebbe abitare. Di un paese che ha una direzione da seguire, una visione. Hai ragione amico lettore sono un sognatore e tale voglio rimanere, sapessi quanti hanno tentato di svegliarmi in questi miei 50 anni di vita, ma mai nessuno vi  è riuscito. Non sempre un sognatore rompicoglioni come me non ottiene nulla, qualche piccolo passetto che si è fatto forse , mi piace pensare che sia anche merito di chi come me non smette di sognare.

Ricordati che tutto ciò che oggi è realtà è stato prima solo immaginazione. Solo chi immagina un momndo diverso sta già lavorando affinchè questo accada.
Comunque sia complimenti per il tuo commento. Buona lettura

Cesare Sciabarrà

 

Caro Cesare,

una persona saggia diceva spesso che l’Italia se avesse dato in appalto la guerra, l’avrebbe vinta.

Il paradosso sottintende come sia difficile, anzi impossibile, per gli enti pubblici, gestire direttamente attività e mezzi pubblici. Per guidare quel camion che tu proponi di acquistare, bisognerebbe fare un regolamento per stabilire l’età, il sesso, la corporatura, le inclinazioni religiose e sessuali di tutti coloro i quali contemporaneamente dovrebbero guidarlo (almeno uno al volante, uno alla manovra del cambio, uno addetto ai retrovisori, una quindicina addetti all’erogatore del calcestruzzo) e di chi e quanti dovrebbero stare vicini al mezzo per vederlo lavorare. Non parliamo, poi, della sua manutenzione che diverrebbe ardua impresa programmare in un Comune che dispone di diversi “uffici manutenzione”.

Caro Cesare, non siamo in grado di gestire direttamente la piscina comunale, non siamo in grado neppure di riparare le quattro persiane di Palazzo Stella o di tingerne il portone, non siamo in grado di accalappiare quattro cani randagi che girovagano per le strade della nostra città, non siamo in grado di ancorare i dissuasori in cemento che qualche anno fa sono stati inutilmente allocati sui marciapiedi per impedire ai coglioni di parcheggiarvi l’automobile, non siamo in grado neppure di spalancare i portoni d’ingresso dei palazzi comunali perché forse non si sa bene chi dovrebbe aprirli e poi richiuderli, non siamo in grado neppure di multare chi parcheggia a c…..azzo di cane (abbiamo, infatti, dovuto affidarne la gestione ad una società esterna) etc. etc….. e tu, mio caro amico idealista e sognatore, pensi che mentalità e professionalità da Spoleto possano essere trasferite a Canicattì? Se il Comune comprasse quell’attrezzo, la riparazione diretta di una buca costerebbe dieci o forse cento volte in più di quanto costerebbe se la facessimo riparare con un appalto. Ovviamente un appalto con regole ben precise.





   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google

Clicca per condividere questo articolo su OKNOtizie OkNotizie



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



2 Risposte per “Canicattì: il commento di un nostro lettore promosso ad articolo”

  1. forzacesare ha detto:

    Caro Cesare,
    oggi ho voglia di dissentire da te, di non condividere non soltanto le tue idee in merito all’acquisto ed all’utilizzo di macchine operatrici per la riparazione delle buche, ma non condivido neppure la chiamata in causa degli amministratori comunali in carica e di quelli del passato. I quali avranno probabilmente altre colpe, ma non quelle oggetto della mia riflessione.
    Dobbiamo tutti fare uno sforzo e comprendere che la cosiddetta “Riforma Bassanini” ha rivoluzionato la macchina della burocrazia attribuendo ormai ai dirigenti rilevanti prebende ed adeguate responsabilità. Sbagli, quindi, caro Cesare, nel ritenere che la sistemazione dei dissuasori, la tinteggiatura del portone, la sistemazione delle finestre, la comminazione delle sanzioni per le violazioni al codice della strada siano competenze dei pubblici amministratori. Macchè, caro amico mio, sono i dirigenti che debbono provvedervi perché, ormai ad essi compete la gestione amministrativa, tecnica, finanziaria. Essi sono dotati di autonomi poteri di spesa, organizzazione del personale, gestione degli strumenti tecnici e finanziari.

  2. cesare ha detto:

    Caro amico, non ho difficoltà a credere a quanto da te affermato, ma nutro qualche perplessità sul fatto che non dipenda da chi è stato eletto dal popolo la linea politica, (e con ciò intendo volgarmente le cose da fare) da seguire. Se così fosse, significa che alle prossime voterò per il segretario generale piuttosto per qualche dirigente. Sempre bello ed efficaci comunque il confronto e mi auspico che saremo sempre di più a confrontarci e anche scontraci. Cordialità . Cesare Sciabarrà

Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario





CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata