Notizie | Commenti | E-mail / 14:05


Canicattì, Pillole di Storia: quando furono scomunicate.. le cavallette

Scritto da il 21 aprile 2017, alle 06:54 | archiviato in Canicattì, Costume e società, Cronaca, Photo Gallery. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Nella prima metà dell’Ottocento, mentre Canicattì cercava di liberarsi faticosamente dal retaggio feudale, organizzandosi come città e offrendo ai suoi giovani la possibilità, pur con i limiti del tempo, di frequentare regolari corsi di studi, accaddero eventi calamitosi che ne rallentarono e scoraggiarono la crescita.

Il 7 maggio 1832 furono tributati grandi festeggiamenti a Leopoldo di Borbone – fratello del re Ferdinando II, conte di Siracusa e governatore della Sicilia con il grado di luogotenente generale – che giungeva a Canicattì in visita ufficiale.

Sua Altezza Reale fu accolto all’Acquanuova, quindi salì alla Chiesa Madre ove si assise su un trono per ricevere la santa benedizione; poi si recò a Borgalino a casa di don Luigi Bordonaro ove fu ospitato; a sera partecipò ad una festa da ballo a casa di don Raimondo Gangitano mentre le vie principali del paese erano illuminate a festa.

L’indomani, martedì 8 alle ore 12, partì per Girgenti, facendo prima tappa a Naro, ospite a colazione di don Vincenzo Caetani. Il re Ferdinando II, da appena due anni succeduto al padre Francesco I, era molto amato in Sicilia perché nato a Palermo nel 1810 e quindi considerato un siciliano.

Ebbene, proprio mentre Leopoldo arrivava in città, all’improvviso si materializzò un’impressionante invasione di cavallette che distrussero le messi pronte alla maturazione e determinarono una terribile carestia. Le zone più colpite furono i feudi di Deliella del barone Agostino La Lomia, di Darfù della baronessa Carmela Turano, di Ramilia e altre terre vicine a Delia. A luglio le cavallette invasero il feudo di Buccheri e quindi Fontana Bianca, Gaetano, Dammisa, Giacchetto, Caizza, Giummello, Pidocchio e Graziano.

Domenica 22 luglio, dopo pranzo, nella Chiesa Madre si riunirono tutti i religiosi ed i sacerdoti in abito di penitenza, alla presenza di tutto il popolo; le cavallette furono “scomunicate” ed il 26 luglio – è da presumere post hoc, non propter hoc – lasciarono Canicattì alla volta di Naro e Girgenti.

Nel mese di maggio 1833 le cavallette si manifestarono ancora: stavolta nella trazzera di Santa Marta ed in contrada Coda di Volpe, nel feudo di Graziano. Il 18 maggio nella trazzera di Santa Marta si svolse un “vertice” tra il sindaco di Girgenti Gaetano Carbonaro, il commissario generale di Caltanissetta Antonio Cosentino, il sindaco di Naro Stefano Formica ed il “primo eletto funzionante da sindaco” di Canicattì Filippo Caramazza. Poiché erano minacciati anche i territori di Girgenti, Naro e Caltanissetta, si decise di mietere anzitempo il frumento ed ogni altra sorta di seminato, di mettere delle tende di protezione e di catturare quante più cavallette possibile “domentre sono piccole e saltellante”.

Il 29 giugno le cavallette scomparvero del tutto ma intanto il raccolto era andato perduto.

Prof. GAETANO AUGELLO



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



1 Risposta per “Canicattì, Pillole di Storia: quando furono scomunicate.. le cavallette”

  1. Isabella Cacciato ha detto:

    Ringraziamo sempre, e calorosamente, il Professore Gaetano Augello, per le accurate ed appassionanti ricostruzioni di eventi e vicende di storia locale, preziose componenti dell’arazzo della grande storia.

Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata