Notizie | Commenti | E-mail / 18:56
                    




Rigettata la richiesta di archiviazione e l’inchiesta va avanti: “sparito gemello dopo il parto”

Scritto da il 16 aprile 2018, alle 06:02 | archiviato in Costume e società, Cronaca, cronaca sicilia, Photo Gallery. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

 “Le indagini svolte non appaiono esaustive”. Per questo motivo il gip di Caltagirone Salvatore Ettore Cavallaro ha rigettato la richiesta di archiviazione, presentata un anno fa, della Procura sull’inchiesta aperta dall’esposto di una mamma nigeriana che dopo il parto ha denunciato la scomparsa di uno dei gemelli che avrebbe dato alla luce il 9 dicembre 2016.

I responsabili del Cara di Mineo, che ospitava la donna, le hanno fornito assistenza legale, con l’avvocato Tommaso Tamburino, che ha presentato opposizione. La notizia riportata dall’edizione di Catania del sito Livesicilia ha trovato conferma in ambienti attivi nell’inchiesta. La richiesta di archiviazione della Procura era stata depositata a luglio 2017. Per la magistratura la consulenza dei periti è chiara.

Il feto era uno solo. Questo nonostante la cartella clinica sequestrata dal Santo Bambino di Catania contenesse un tracciato cardiotocografico da cui si acclarava il battito di due cuoricini. Nella perizia si parla di “scarsa attendibilità” degli esami “effettuati nel nosocomio etneo”. Quest’ultimi però erano in linea con quelli – almeno dalle testimonianze della giovane mamma – effettuati nell’ospedale in Libia.

Per il gip di Caltagirone però “le indagini espletate non appaiono esaustive”. “Al fine di delineare compiutamente la vicenda in disamina – scrive il giudice – è necessario che vengano acquisite le cartelle cliniche relativamente alla gravidanza della donna nell’ospedale Al Bayan di Tripoli”.

Il gip ha disposto anche che “sia nominato un collegio peritale composto da specialisti della materia trattata, operanti esternamente alla Regione Sicilia, affinché chiariscano, alla luce della documentazione in atti, delle conclusioni cui sono pervenute i consulenti del pm nonché delle osservazioni di cui alla memorie ed alla consulenza di parte, la natura gemellare o meno della gravidanza”.

E per non avere dubbi, il giudice Cavallaro ha ordinato al pm di sentire “le dottoresse che hanno eseguito l’ecografia, insieme al medico, il giorno del ricovero della parte offesa presso l’ospedale Santo Bambino di Catania” e di “escutere sulle circostanze oggetto di indagine il personale medico, infermieristico ed ostetrico dell’Ospedale Gravina di Caltagirone che in data 9 dicembre 2016 ha partecipato a vario titolo al parto cesareo”.

 



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata