Notizie | Commenti | E-mail / 05:10
                    




Canicattì: ” baratto amministrativo” ovvero la differenza tra le chiacchiere e i fatti

Scritto da il 23 aprile 2018, alle 18:29 | archiviato in Canicattì, Cronaca, IN EVIDENZA. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Ricordate uno dei punti del programma elettorale dell’attuale amministrazione in carica? Direte che i punti erano tanti… e magari provate po’ di difficoltà a ricordarli tutti. Oggi vogliamo parlarvi di uno di questi punti: IL BARATTO AMMINISTRATIVO. Lo slogan recitava testualmente “IL VOSTRO LAVORO AL POSTO DEI TRIBUTI” e continuava “ consentiremo a chi è in difficoltà economiche di pagare le tasse comunali con il proprio lavoro al servizio della città”. Abbiamo ripreso tutto parola per parola, senza aggiungere o togliere una virgola. Mentre noi facciamo chiacchiere a pochi passi da noi fanno i fatti . A Montevago il baratto amministrativo è una realtà. Il paese guidato dal Sindaco Margherita La Rocca Ruvolo ha deliberato e posto in essere  il regolamento comunale sul baratto amministrativo, dando  la possibilità ai cittadini in difficoltà di poter saldare i tributi che non sono in grado di pagare  eseguendo lavori socialmente utili per la comunità e per il comune.

E’ naturale che chi non ha danaro non può onorare i propri debiti e allora gioco forza si recupera forza lavoro e si risparmia sulla manodopera. Una vera partita di giro.
Per quelli che di questa iniziativa ne hanno fatto solo uno slogan, ricordiamo che  il baratto amministrativo è stato possibile porlo in essere con il  decreto “Sblocca Italia”, che da la possibilità di  mettersi in regola con tasse e tributi non pagati senza spendere un centesimo.
Il concetto è di facile applicazione ;  coloro che non hanno versato il dovuto (e abbiano un Isee non superiore a 8500 euro), possono ripagare il debito  con il Comune di appartenenza , svolgendo un’attività di pubblica utilità a favore dell’ente in un numero di ore sufficienti per coprire l’importo che il cittadino avrebbe dovuto versare.

Spero che nessuno ce l’abbia a male se ricordiamo alcuni punti del programma… anzi non sarebbe male dedicarci una rubrica…. W il baratto…e tanto altro ancora

Cesare Sciabarrà

 



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



1 Risposta per “Canicattì: ” baratto amministrativo” ovvero la differenza tra le chiacchiere e i fatti”

  1. Giuseppe giardina ha detto:

    Questo sindaco è come Di Maio, tante promesse e tutte non mantenute. Una cosa buona potrebbe farla : DIMETTERSI

Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata