Notizie | Commenti | E-mail / 19:27
                    




Il Forum siciliano Acqua e Beni Comuni ai Sindaci agrigentini: “liberiamoci della mala gestione di Girgenti Acque e rispettiamo la volontà Popolare”

Scritto da il 26 aprile 2018, alle 06:46 | archiviato in Agrigento, Photo Gallery, Politica. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

“Apprendiamo che il prossimo 27 aprile l’ATI di Agrigento ha finalmente posto all’ordine del giorno la risoluzione del contratto con Girgenti Acque. Facciamo appello a tutti i Sindaci della provincia ad essere presenti e conseguenti alla constatazione dello stato disastroso della gestione idrica, della mancata depurazione, del disastro ambientale procurato e della continuativa sottrazione di un diritto fondamentale, votando all’unanimità per la risoluzione del contratto in danno del gestore. A spezzare, se ancora ve ne fossero, quei legami di cointeressenze che hanno caratterizzato questi ultimi 11 anni a favore di interessi particolaristici anziché tutelare quelli della collettività”, dicono dal Forum. “Non spendiamo parole sulla  infinita sequela di  inadempienze del gestore, già oggetto di numerosi procedimenti giudiziari, ma auspichiamo che per una volta prima della magistratura e del terzo grado di giudizio arrivi la buona politica a sancire un radicale cambio di rotta ed il rispetto della volontà del Popolo sovrano”.

 

Potrebbe trattarsi di una giornata storica, se si pensa alla enorme e continuativa mobilitazione popolare che ha visto la provincia di Agrigento tra i protagonisti e promotori della battaglia siciliana per la gestione pubblica e partecipativa delle Acque che ha dato vita alla proposta di legge regionale di iniziativa Popolare e dei Consigli Comunali del 2010 e contribuito alla vittoria referendaria del 2011 cui la provincia di Agrigento diede il 98,5 di SI.

 

“Contestualmente alla risoluzione, non più rinviabile”, dicono dal Forum, “bisogna attrezzarsi per stilare il piano d’ambito e costituire una azienda speciale consortile, cioè un ente di diritto pubblico, cui attribuire la gestione del SII per l’intera provincia.”

 

L’Acqua resta il paradigma di tutti i Beni Comuni e del livello di Democrazia effettivamente esigibile dai cittadini. Per questo si scrive Acqua si legge Democrazia.



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



1 Risposta per “Il Forum siciliano Acqua e Beni Comuni ai Sindaci agrigentini: “liberiamoci della mala gestione di Girgenti Acque e rispettiamo la volontà Popolare””

  1. Arca ha detto:

    Oltre alle endemiche inadempienze si distinguono anche per creare problemi all’ utenza con la richiesta di innumerevoli documenti per una semplice voltura… e quando finalmente pensi di avere tutta la documentazione… ecco l’ ulteriore cavillo! “Abbiamo cambiato la modulistica, occorre rifare tutto! “Complimenti!

Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata