Notizie | Commenti | E-mail / 05:06
                    




Carcere Petrusa, il personale Polizia Penitenziaria si astiene dalla fruizione della mensa di servizio

Scritto da il 16 maggio 2018, alle 06:14 | archiviato in Agrigento, Politica. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

La nuova organizzazione del lavoro in atto presso la struttura circondariale di Agrigento provoca malcontento tra il personale della Polizia Penitenziaria a causa del mancato rispetto dei diritti dei lavoratori, sottoposti a rischi nell’esercizio dell’operatività e nell’espletamento delle loro funzioni. È questa la motivazione che ha indotto la Uil Pubblica Amministrazione Polizia Penitenziaria di Agrigento, congiuntamente a Cgil, CNPP e USPP a protestare contro la direzione della casa circondariale : secondo i sindacati, la nuova organizzazione avrebbe stravolto tutto il precedente sistema a partire dall’assenza di una copertura adeguata dei posti di servizio. “Un’innovazione – si legge in una nota siglata dal coordinatore provinciale UILPA Polizia Penitenziaria di Agrigento Calogero Speziale e dai colleghi Calogero Spinelli (CNPP), Giuseppe Terrazzino (USPP) e Giuseppe Martorana (Cgil) – che è stata emessa unilateralmente dalla direzione e alla quale hanno aderito altre organizzazioni sindacali; noi non abbiamo condiviso né tantomeno sottoscritto la nuova organizzazione del lavoro”. Da ieri, in segno di protesta, UILPA, CNPP, USPP e Cgil si astengono dunque a oltranza dalla fruizione della mensa di servizio: un segnale iniziale che preannuncia ulteriori azioni finalizzate a ottenere garanzie certe sia in merito all’operatività del personale che riguardo alla ricezione di un piano ferie estive per l’anno 2018 e che ha già registrato una forte adesione. Su quest’ultimo punto, in particolare, le sigle affermano di non avere firmato alcun accordo “in assenza di un prospetto chiaro per la fruizione del periodo previsto dal CCNL, ovvero non meno di quindici giorni”. “Abbiamo chiesto – si legge nella stessa nota – di organizzare in maniera più oculata e razionale le risorse umane disponibili, a partire dall’utilizzo delle unità femminili presso le cosiddette cariche fisse nel rispetto delle pari opportunità; è stata inoltre sottolineata la necessità di sopprimere alcuni posti di servizio e impiegare nuovi sistemi tecnologici di videosorveglianza nell’ottica di attuare un recupero delle risorse umane disponibili. Le sigle sindacali, si legge nella nota, si riservano di indire un’assemblea dei lavoratori nei prossimi giorni per decidere quali forme di protesta mettere in atto: tra le varie possibilità, un sit in della Polizia Penitenziaria.



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata