Notizie | Commenti | E-mail / 23:42
                    




Comunità per migranti e ritardi degli stipendi degli operatori: lettera al Prefetto

Scritto da il 20 luglio 2018, alle 06:48 | archiviato in Agrigento, Costume e società, Photo Gallery, Politica. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Eccellenza,

ci rivolgiamo a Lei ed alla Sua accertata disponibilità e sensibilità per porre una questione.

Da parte dei Lavoratori che lavorano alle dipendenze delle Cooperative Sociali che hanno in gestione i “SPRAR” per l’accoglienza dei migranti richiedenti asilo, ci viene rappresentata una situazione disperata circa il pagamento delle loro spettanze mensili.

In alcuni casi parliamo di ritardi di 12 mesi, in spregio del CCNL delle Cooperative Sociali che stabilisce, circa la corresponsione della retribuzione, CORRESPONSIONE DELLA RETRIBUZIONE (ART. 83) che la stessa deve essere corrisposta entro e non oltre il 20° giorno successivo alla fine di ciascun mese.

Sottodimensionamento, sottoinquadramento contrattuale, mancanza di una esatta definizione e suddivisione delle mansioni, mancanza di formazione, compensi bassi, carenza del lavoro di equipe anche a causa di uno scarso coordinamento, impossibilità di garantire un’assistenza personalizzata agli ospiti dei centri ed il citato frequente ritardo dei tempi di pagamento degli stipendi rende questa situazione davvero insostenibile.

Tuttavia questi Lavoratori sono muti, impauriti. Mentre ti raccontano le loro difficoltà temono che l’esplodere del caso gli faccia perdere quel poco che hanno e temono di perdere in una provincia come la nostra così avara di posti di lavoro ed opportunità lavorative.

Ad alcuni di questi inconvenienti occorrerebbe pensare in fase di gara: l’abolizione del criterio di offerta al minimo ribasso o economicamente più vantaggiosa; l’introduzione di vincoli più stringenti sul rapporto tra operatori e utenti, sul trattamento e sull’inquadramento contrattuale degli operatori, sulla definizione delle loro mansioni e sulle garanzie di effettivo e puntuale pagamento dei loro compensi.

Ne potremo riparlare alle scadenze contrattuali.

Nel frattempo non possiamo stare fermi, intendiamo “dare voce” a questi Operatori e siamo qui a chiederLe di voler accendere un riflettore su questa situazione, di conoscere con esattezza come e da chi viene gestito il “sistema di accoglienza” nella nostra provincia; comprendere se e come vengono svolti controlli da parte dell’Ispettorato Provinciale del Lavoro: occorrerebbe una “task force” che su questo (come su altri servizi in appalto dalla pubblica amministrazione) particolare servizio facesse un serio contro a tappeto.

Vogliamo conoscere i motivi del ritardo nei pagamenti, verificarne la natura e superare le criticità esistenti. Non possiamo pensare che il Ministero accrediti tali risorse con ritardi di 12 mesi ne è sopportabile dal sistema delle Imprese un tale ritardo. In ogni caso non ci sembra corretto che questo finisca con lo scaricarsi sugli operatori (ed anche sui fornitori di questi Centri) e sui fruitori del servizio.

In un tempo in cui le spinte xenofobe e razziste si agitano nel Paese, riteniamo che avere il massimo della chiarezza e trasparenza su queste questioni aiuti chi, al contrario, si batte affinché prevalgano il rispetto delle regole contro chi vuole trasformare l’accoglienza in un “business”.

Valuti Lei quale sia la formula più opportuna. Noi non siamo interessati a passarelle e momenti tanto formali quanto inconcludenti, ma alla sostanza del ragionamento che poniamo: occorre finirla con questa situazione, occorre che gli operatori si vedano riconosciuti i loro diritti, a partire da quello del pagamento del loro lavoro.

 

 

Massimo RASO             Enzo IACONO

Segr. Gen. CGIL         Segr. Gen. FP CGIL

 



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata