Notizie | Commenti | E-mail / 09:21
                    










Premio di poesia dialettale “Nino Martoglio” a Grotte

Scritto da il 1 settembre 2010, alle 09:07 | archiviato in Arte e cultura, Eventi. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0.

Musica, cultura e divertimento in piazza Umberto I a Grotte, il 7 settembre alle ore 20, nell’ambito dell’ottava edizione del Premio di poesia dialettale “Nino Martoglio”. Composta da un’unica sezione “raccolta inedita di poesia in lingua siciliana” la manifestazione è ideata e diretta dall’associazione culturale-teatrale “Nino Martoglio” nella persona di Aristotele Cuffaro. Numerose e significative le opere pervenute in questi mesi alla Segreteria dell’associazione, valutate attentamente da professionisti del mondo culturale e letterario, nonché componenti della giuria. Il presidente della commissione è il prof. Salvatore Di Marco, gli altri componenti sono Tommaso Romano, Nino Agnello, Salvatore Trovato, Salvatore Mugno, Alfio Patti e dal dott. Antonio Liotta (editore). Tre i nomi finalisti di questa ottava edizione, che la sera del 7 settembre, ritireranno il trofeo “Martoglio”, figlia dello scultore Salvatore Cipolla. I vincitori sono: Nunziato Mazza con la silloge “Ummiri e sonnira”, Gabriella Rossitto con la composizione “Russania”, Salvatore Vicari per la silloge “U filu u vespri”.

Queste le motivazioni a supporto delle tre opere finaliste

Premio “Martoglio” ad Innocenzio (Senzio) Nunziato Mazza, per la silloge “Ummiri e sonnira”

Caratterizza questa silloge con i suoi alti esiti stilistici la ricerca attenta e impegnata del senso più profondo e più vero della poesia, nonché le tensioni liriche interne alla dimensione quotidiana del vivere che solo una attenta sensibilità poetica – quale è quella del nostro autore – raccoglie ed innalza alla luce più suggestiva della espressione poetica. Il nostro autore evidenzia, nel corso della sua silloge, una idea animata da appassionata tensione filosofica che percorre l’ insieme del suo progetto poetico, conseguendo così il fine di contrassegnare con espressioni fortemente persuasive la condizione esistenziale dell’ uomo in questa nostra sofferta, complessa, difficile società contemporanea.

Premio “Martoglio” a Gabriella Rossitto, per la silloge “Russania”

La poesia neo-dialettale che si diffuse in Italia nel corso degli ultimi decenni a cavallo tra il fine del novecento e questo nuovo secolo con ampie vedute di rinnovamento, in Sicilia si è data l’avvio non trascurando di recuperare nel contempo moduli, linguaggi e temi i quali hanno profondamente agito sulla tradizione alta della lirica dialettale isolana, aprendole nuove prospettive letterarie. Di tale poesia – che ci consegna figure e opere di notevole rilievo – la voce più recente e interessante è quella della poetessa Gabriella Rossitto di Palagonia con la sua bella silloge intitolata Russania. I versi della raccolta sono caratterizzate da tenere e soffuse aree di malinconica liricità che disegnano efficacemente i suggestivi paesaggi della intimità poetica. I singoli componimenti presentano una brevità di versi e di contesti lirici in linea con le più moderne soluzioni stilistiche. Infatti la modernità dello stile, delle strutture formali e delle tonalità linguistiche distinguono la silloge all’interno del repertorio più recente della poesia dialettale siciliana di questo albeggiare del nuovo secolo.

Premio “Martoglio” a Salvatore Vicari, per la silloge “U filu u vespri”

Il verso di questa raccolta densa e suggestiva è ampio, disteso nel suo largo respiro ispirativo, e segue il filo di una coerente narrazione lirica la quale esige e applica anche progetti stilistici ribelli alle tradizioni di forme, temi e ritmi che hanno storicamente segnato l’evoluzione della poesia dialettale siciliana. Infatti realtà umana e sentimento il poeta coniuga nelle sue varie composizioni poetiche esaltando con equilibrio le potenzialità linguistiche innovative del moderno dialetto ragusano. Il soffio della autentica poesia fa della silloge un’opera letteraria degna di ogni considerazione.

Nel corso della manifestazione, presentata dal giornalista Carmelo Lazzaro, sarà anche proclamato il vincitore del contratto editoriale gratuito con la casa editrice “Medinova”, che assicurerà la pubblicazione e la diffusione della raccolta. Due i premi speciali che l’Organizzazione quest anno consegnerà rispettivamente all’attore comico Giovanni Cacioppo, quale artista rappresentativo della “sicilianità” nel panorama artistico-cinematografico internazionale e ad Enzo Lauretta, figura maggiormente rappresentativa della storiografia siciliana, al quale andrà il premio speciale “Francesco Pillitteri”. Sarà Cacioppo, attore di cinema e teatro, ma soprattutto irresistibile cabarettista, ad intrattenere il folto pubblico di Grotte e non solo, affezionato ad una manifestazione che anno dopo anno si arricchisce di contenuti ed artisti dallo spessore intellettuale. Il comico siciliano – trapiantato al nord – bazzica in TV da 15 anni, facendo il giro di tutti i programmi più famosi e divertenti oltre che delle piazze siciliane. Fine conoscitore dell’Italia del sud, percorrerà una galleria di storie e personaggi, passando in rassegna vizi e virtù dei suoi compaesani con uno sguardo leggero che renderà il monologo un autentico spasso.



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Commenti chiusi


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata