Il cittadino polacco Rafal Pienczewski di 27 anni, arrestato un mese fa a Camastra in esecuzione di un mandato di cattura europeo emesso dai magistrati del suo paese per ncontraffazione di documenti in concorso ai fini di truffa, sequestro di persona, truffa, rapina, guida in stato di ebbrezza, ha scritto una lettera dal carcere Petrusa dove si trova rinchiuso.

Chiede di proseguire il periodo di detenzione in Italia, ad Agrigento, e di non essere estradato in Polonia. E per cercare di ottenere ciò, Rafal la lettera l’ha inviata al ministro della Giustizia Angelino Alfano, al ministro degli Esteri Franco Frattini e al ministro dell’Interno Roberto Maroni.

In provincia di Agrigento il polacco ha trovato l’amore e si è creato una famiglia, sapere di avere vicini convivente e figlio lo aiuterebbe a sopportare meglio la detenzione.