Notizie | Commenti | E-mail / 21:28
                    








Canicattì, Ancora ritardi per l’invalidità civile e per l’indennità di accompagnamento

Scritto da il 30 novembre 2010, alle 05:03 | archiviato in Economia, Politica, Politica Canicattì, Politica provincia. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Malgrado le apprezzate iniziative del Direttore Provinciale dell’INPS per realizzare tempi reali per la definizione delle dinamiche buro-sanitarie per l’ottenimento della invalidità civile, per il riconoscimento alla non auto sufficienza con conseguente indennità di accompagnamento, ancora a Canicattì, Licata, Ribera, Sciacca e Castermini le attività delle Commissioni sanitarie si muovono in “cartaceo e per posta” anziché con trasmissione telematica.

Tale fatto determina ritardi insopportabili ed arretrati annualmente ricostituiti.

Il “fattore tempo” nei casi di patologie gravi, e sono tanti, diviene importante, perché l’esito, a volte, arriva quando il cittadino non è più in vita, ovvero con ritardi che causano indebitamenti familiari per sopperire alle esigenze che lo Stato ritarda a riconoscere ed a sorreggere finanziariamente.

Tra l’altro, i ritardi dell’ASP si scaricano sull’INPS con la legittima protesta dei cittadini, provocando l’intasamento degli uffici dell’Istituto previdenziale.

Il Capo dell’ASP deve intervenire per realizzare quanto in Agrigento già concretizzato con il Direttore dell’INPS che ha offerto tutta la logistica ed il necessario parco tecnologico a Fontanelle, superando i ritardi passati ed il raggiungimento dell’obiettivo di “servire” bene, in locali decorosi e velocemente il cittadino.

La trasmissione cartacea da parte dell’ASP di Canicattì, Licata, Ribera, Sciacca e Casteltermini determina l’entrata in causa di Italposte e la successiva validazione degli esiti da parte dell’INPS, provocando nei cittadini incertezza sul risultato della visita e ritardi di 12 mesi al riconoscimento.

Il sindacato dei pensionati della CGIL chiede al Direttore dell’INPS ed al Capo dell’ASP di concretizzare la medesima esperienza positiva di Agrigento.



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata