Notizie | Commenti | E-mail / 22:34
                    








Canicattì, Di Benedetto e Milioti: “infondate e inadeguate le argomentazioni del Vice Sindaco Rizzo”

Scritto da il 31 ottobre 2011, alle 07:30 | archiviato in Photo Gallery, Politica, Politica Canicattì. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

In riferimento alla nota pubblicata su canicatti’ web, in data 25/10/2011 (vedi fondo articolo ndr) a firma del vice sindaco ing. Rizzo, i consiglieri comunali appartenenti alle due liste non possono non sottolineare l’assoluta infondatezza delle argomentazioni del vice sindaco che cercando artatamente di arrampicarsi sugli specchi pur di celare oltre che la sua inadeguatezza il censurabile comportamento tenuto nell’ultimo consiglio in occasione delle interrogazioni, occorre precisare che il consigliere milioti non aveva assolutamente nessuna risposta gia’ preconfezionata (conoscendo le abitudini del vice sindaco ne avrebbe avuto ragione)ma solamente degli appunti come canovaccio all’argomento , offende gli scriventi sentire il vice sindaco affermare che sarebbe stato fatto oggetto di epiteti (tranne che per lo stesso i termini incauto e inadeguato costituiscono epiteti e non gia’ diritto di critica) perche’ cio’ lede la nostra educazione ed il rispetto che ognuno di noi ha verso gli altri, le gratuite affermazioni del vice sindaco sono facilmente definibili come bugie dalle gambe corte ed un mezzuccio per voler giustificare l’assoluta mancanza di riguardo tenuta nei confronti del consigliere milioti e del consiglio intero abbandonando l’aula senza ascoltare come da regolamento la replica dell’interrogante, invero i fatti esposti dal vice sindaco sono in maniera inconfutabile smentiti dalle riprese televisive, che dimostrano come nessuna frase irriguardosa sia stata indirizzata nei suoi confronti, tale atteggiamento preoccupa e non poco perche’ dimostra il livello politico del nostro vice sindaco che dovrebbe evitare di vedere ad ogni angolo imboscate politiche da parte di una esigua ma attenta e seria opposizione

Per quanto attine alla interrogazione sull’agricoltura da noi formulata il vice sindaco in coda al suo intervento ha fatto seguire una risposta a sua firma che testimonia da sola, quanto lo stesso si confermi indeguato. Gli interroganti infatti, al riguardo , avevano sollecitato l’amministrazione ad intervenire per segnalare alle autorita’ regionali, cosi’ come gia’ fatto da altri sindaci, i danni subiti dagli agricoltori a causa della crisi di mercato e dagli attacchi di peronospera che di fatto crea un danno alla pianta ed alla produzione.

Il vice sindaco invece si avventura in disquisizioni sui massimi sistemi dell’agricoltura globale

Fabio Di Benedetto PDL

Giuseppe Milioti CANICATTI’ PRIMA DI TUTTO

Nota del ViceSindaco Rizzo del 25 ottobre 2011 alle 17:20 :

Mi corre l’obbligo di chiarire del perché il sottoscritto, Gaetano Rizzo, è oggetto degli epiteti da parte dei consiglieri comunali Fabio Di Benedetto Milioti Salvatore, che a detta dei quali io abbia mostrato, in consiglio comunale, tutte le mie virtù, al punto tale da essere definito “L’incauto ed inadeguato amministratore “. Esporrò i fatti, per informare la cittadinanza, scevro di ogni commento. Il sottoscritto, in consiglio comunale ha risposto ad una interrogazione da parte dei due consiglieri Di Benedetto e Milioti, ed il consigliere Milioti nella replica iniziava a leggere una nota, già confezionata prima di ascoltare la mia risposta , nella quale si dichiarava insoddisfatto della mia risposta , pur non conoscendola precedentemente. A questo punto, il sottoscritto, per evidenziare tale atteggiamento premeditato , abbandonava l’aula, per rientrare subito dopo l’intervento del consigliere Milioti.
Di seguito riporto la risposta ai consiglieri interroganti.
Cordialmente
Gaetano Rizzo

Ai Sig.ri Consiglieri Comunali
Fabio Di Benedetto
e Giuseppe Milioti

Oggetto : risposta interrogazione prot. 51245 del 03.10.2011

La crisi del settore agricolo viene da lontano, ed oggi e si sta manifestando in tutta la sua gravità. Oggi paghiamo il prezzo di politiche sbagliate, di amministrazioni inefficienti e di un cattivo modo di gestire le risorse pubbliche, ed i fondi europei in particolare, visto che la Sicilia è ultima tra le regioni d’Italia per l’utilizzo delle risorse comunitarie.
Oggi noi paghiamo il prezzo degli accordi commerciali , come quelli con i paesi del Nord Africa , che prevedono che , in cambio di commesse per i macchinari prodotti nelle aziende del Nord Italia, sia concesso ai prodotti come ad esempio dell’egitto di entrare nel nostro Paese. Accettando merce da Paesi in cui non ci sono controlli sui fitofarmaci, garanzie per i lavoratori, ma con costi di produzione stracciati che effettuano una concorrenza sleale ai nostri prodotti, causano ai nostri produttori la perdita dei mercati.
Se a queste cause, si aggiungono dei fatti contingenti quali le condizioni meteo non favorevoli, con l’insorgere di malattie, quali la peronospora, la già grave situazione si aggrava ulteriormente, con il ripercuotersi su tutto l’economia locale.
Le Amministrazioni locali possono, purtroppo, far poca cosa di fronte ad una crisi globale accompagnata anche dalla poca fiducia che i nostri produttori hanno verso le istituzioni, e tal fine ricordo la partecipazione attiva alle iniziative intraprese dai produttori Siciliani nel 2010, che hanno visto l’Amministrazione Comunale di Canicattì partecipe anche ai tavoli con le istituzioni Regionali e a manifestazioni a livello nazionale, che non hanno portato a niente se non alla sfiducia dei nostri produttori. Ieri, 19 ottobre, doveva essere presente a Canicattì l’assessore Regionale all’agricoltura al quale volevamo far presente l’allarmante situazione della nostra agricoltura, e chiedere degli interventi da parte della Regione, ma l’incontro è stato rinviato.
Riteniamo opportuno, e ci adopereremo in tal senso, che l’IGP venga rilanciato, inoltre si sono effettuati una serie di incontri con le organizzazioni di categoria, una delle quali è stata effettuata oggi, per programmare le iniziative atte alla sensibilizzazione dei produttori volte all’ossociazionismo e alle strategie da adottare per i collegamenti con la grande distribuzione.
L’Amministrazione Comunale, parimenti agli interroganti, ritiene opportuno che della problematica venga investito anche il Consiglio Comunale, perché oltre alle scelte operative sono necessarie delle prese di posizione di carattere politico.

Canicattì 20.10.2011 cordialmente
Gaetano Rizzo



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



3 Risposte per “Canicattì, Di Benedetto e Milioti: “infondate e inadeguate le argomentazioni del Vice Sindaco Rizzo””

  1. BRAVA GIULIA ha detto:

    “Non posso far capire qualcosa a qualcuno se…. quel qualcuno NON VUOL CAPIRE”.
    Vice Sindaco non avrebbe potuto far capire meglio a Milioti e a Di Benedetto quanto è insopportabile pensare di non essere meritevoli di considerazione.
    Si può essere soddisfatti o meno, ma leggere un documento precedentemente elaborato indipendentemente da quello che l’interrogato ha risposto oltre il galateo supera anche l’ultimo limite della pazienza.
    Milioti e Di Benedetto:
    “Gli interroganti infatti, al riguardo , avevano sollecitato l’amministrazione ad intervenire per segnalare alle autorita’ regionali, cosi’ come gia’ fatto da altri sindaci, i danni subiti dagli agricoltori a causa della crisi di mercato e dagli attacchi di peronospera che di fatto crea un danno alla pianta ed alla produzione.”
    Vice Sindaco :
    “Ieri, 19 ottobre, doveva essere presente a Canicattì l’assessore Regionale all’agricoltura al quale volevamo far presente l’allarmante situazione della nostra agricoltura, e chiedere degli interventi da parte della Regione, ma l’incontro è stato rinviato.
    Riteniamo opportuno, e ci adopereremo in tal senso, che l’IGP venga rilanciato, inoltre si sono effettuati una serie di incontri con le organizzazioni di categoria, una delle quali è stata effettuata oggi, per programmare le iniziative atte alla sensibilizzazione dei produttori volte all’ossociazionismo e alle strategie da adottare per i collegamenti con la grande distribuzione.”
    CONCLUSIONE
    Gli interroganti hanno avuto una risposta e sono stati attenzionati dall’amministrazione, viceversa non si può dire la stessa cosa.
    Grazie

  2. diego ha detto:

    caro sindaco e vice sindaco andando al di la della vostra polemica su cose che io non sono informato,la cittadinanza desiderava sapere quando pensate di risolvere
    il problema dell’ordine pubblico nelle strade della citta.mi riferisco in particolar modo
    alla chiesa san diego dove bivaccano una serie di romeni in condizioni igienico sanitarie precarie,per non parlare dei romeni musicisti che si mettono vicino la banca mps creando terrore nelle persone donne e bambini in quando urinano e bevono tipo che sono a casa sua.svegliaaaaaaaaaaa signor sindaco non si vive solo di festicciole.mi auguro che al mio commento ne seguano altri grazie e
    arrivederci alla seconda puntata.

  3. porca miseria ha detto:

    HAI RAGIONE CARO DIEGO, QUESTE COSE SEMBRA NON INTERESSINO NEANCHE A TANTI CHE SCRIVONO IN QUESTO PORTALE, INFATTI A VOLTE LEGGO COMMENTI SU COSE RIDICOLE, MENTRE AD ”APPOGGIARE” UN DISCORSO UTILE DEL GENERE, NIENTE.
    PER NON PARLARE DI TUTTI I NOSTRI CARI AMATI POLITICI E SINDACALISTI, CHE TANTO SI SPENDONO PER LA NOSTRA AMATA CITTA’…
    PERCHE’ NESSUNO ORGANIZZA UNO SCIOPERO PER QUESTE IDEE DEL GOVERNO TIPO LICENZIAMENTO FACILE O PENSIONI SLITTATE A 67 ANNI????

Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata