Notizie | Commenti | E-mail / 08:23
                    






Sicilia, la proposta di Confindustria: Rating antimafia per le aziende

Scritto da il 31 gennaio 2012, alle 14:59 | archiviato in Costume e società, Economia, Eventi, Photo Gallery. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

“Lo spread negativo sui fattori di crescita non può comprendere soltanto l’andamento dei titoli di Stato, delle banche o delle assicurazioni. Bisogna cominciare a prendere sul serio l’idea di intervenire sullo spread delle aziende che investono e vivono nei mercati grazie a processi di legalità e a codici anticorruzione, per non parlare di quelle imprese che si sono messe in prima linea contro la mafia e che oggi meriterebbero formali riconoscimenti imprenditoriali”.

Ha riscosso successo la proposta di Antonello Montante, delegato nazionale di Confindustria per la legalità, in cui propone che le aziende abbiano un “rating più alto per lo stesso know how acquisito in termini di sperimentazione e applicazione di modelli aziendali improntati a solidi principi etici”.

“Il riconoscimento concreto da parte dello Stato del rating alto a favore di molte imprese, nel Sud ma non solo, che hanno coraggiosamente portato avanti con impegno un percorso difficile rimanendo vicine alle istituzioni nella battaglia concreta contro la mafia, è un fattore competitivo che – sostiene Montante – rientra nella concezione del libero mercato e nel giusto calcolo dei costi-benefici economici e sociali per l’intero Paese”.

“Ringrazio molto il ministro dell’Interno Annamaria Cancellieri per avere definito interessante la mia proposta – continua Montante – Il ministro è sempre stata una persona attenta, sensibile ai temi della lotta alla criminalità organizzata. Lo era già quando era prefetto a Catania”.

“Se venisse accolta questa proposta -ha spiegato- si potrebbe rendere le aziende più bancabili, il tutto costerebbe poco o nulla allo Stato, mentre si salverebbero numerose imprese”. E ancora: “Indipendentemente dall’attività repressiva questo può aiutare le imprese italiane. Vediamo in che modo si possa concretizzare.

Il presidente del Consiglio Mario Monti è interessato alla proposta e anche Annamaria Cancelliri è stata chiara. Per gli imprenditori è un incentivo, dal mercato offuscato si passerebbe ad un mercato legale con meno concorrenza sleale e tutto si traduce in Pil e in competizione. Insomma, costerebbe pochissimo ma si aiuterebbero le imprese in settori critici. Oggi il problema fondamentale delle imprese è la mancanza di rating e la mancanza di liquidità”.

E ha concluso: “Qui non si tratta più di espellere solamente chi non denuncia il pizzo, ma ci sono atti concreti per aiutare l’impresa stessa. Chi è succube al sopruso può emergere”.

“Un’ottima idea che dà continuità alle proposte di Confindustria. Ora però tocca alla politica raccogliere il testimone e comportarsi allo stesso modo: iniziando ad espellere i collusi con Cosa Nostra” ha commentato Antonio Ingroia dalle pagine dell’Unità.

“L’economia illegale è la palla al piede -rimarca Ingroia- la zavorra della Sicilia; l’economia legale al contrario deve diventare conveniente anche dal punto di vista economico”. A chi gli chiede come si può realizzare nel concreto questo strumento, Ingroia spiega: “I criteri li affiderei agli economisti. Ma sicuramente alcuni degli indici potrebbero essere, oltre naturalmente a penalizzare chi ha condanne e precedenti e non ha il certificato antimafia, il premiare gli imprenditori che denunciano il racket, che aderiscono e contribuiscono fattivamente alle associazioni antimafia”.

“Con indici positivi e assenza di indici negativi -conclude- le aziende vanno premiate, soprattutto nel tema dell’accesso al credito che è ormai vitale per la sopravvivenza di molte”.

“Introdurre un rating di legalità per valorizzare e premiare le imprese oneste è una idea valida. Uno strumento utile per sostenere tutte quelle realtà che rispettano le leggi, denunciano le estorsioni, le infiltrazioni mafiose, i condizionamenti esercitati dalla mafia … . A queste imprese si potrebbero concedere agevolazioni fiscali per promuovere la crescita dell’economia sana e legale. Si tratterebbe, quindi, di un altro passo in avanti nella lotta alla criminalità organizzata e contro l’economia illegale, che toglie ricchezza e posti di lavoro a quella legale e nega ai lavoratori e ai cittadini i loro diritti. E’ di buon auspicio, a tal proposito, che il ministro dell’interno abbia accolto la proposta con molto interesse.”. Lo dichiara il senatore del Pd Giuseppe Lumia, componente della Commissione antimafia, commentando la proposta del responsabile legalità di Confindustria Antonello Montante.



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata