Notizie | Commenti | E-mail / 10:45
                    






Sicilia, geologia: a Palermo i frammenti del meteorite caduto in Messico

Scritto da il 30 settembre 2012, alle 08:12 | archiviato in Eventi, Scienze e tecnologie. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

“A Palermo saranno esposti , frammenti del meteorite caduto in Messico nel 1969 . Si tratta di reperti che hanno più di 4 MLD e mezzo di anni e dunque più antichi della Terra” . L’annuncio e’ stato dato questa mattina da Sergio Calabrese ricercatore all”Università di Palermo e Presidente dell’ Associazione Geode . “Questo meteorite contiene la Panguite – ha proseguito Calabrese – che e’ uno dei minerali più antichi del sistema solare” . Sarà possibile vedere tali reperti dal vivo nel capoluogo siciliano proprio durante La Settimana del Pianeta Terra, il grande evento promosso dalla Federazione Italiana di Scienze della Terra , in programma Italia dal 14 al 21 Ottobre. In conferenza stampa sono stati illustrati tutti i geoventi che si svolgeranno in Sicilia . “ Con caschetti e illuminazione entreremo nelle grotte vulcaniche – hanno affermato i geologi Fabio Santonocito , responsabile di Geo Etna Explorer e Piero Mammino – nei tunnel di lava . Scopriremo cosa ci offre un vulcano , lo vedremo dall’interno. Sarà come prendere un ascensore e scendere nel cuore della terra. Vedremo tre tunnel vulcanici di cui uno è anche luogo di culto . Questi tunnel che visiteremo si sono formati con la colata lavica del 1669 . Nel territorio del Parco Naturale dell’Etna ne abbiamo ben 200.

Mentre il 14 Ottobre a Catania visiteremo il Castello Ursino circondato dalla lava del 1669 e scenderemo lungo il fiume sotterraneo coperto dalla lava ma ancora tuttora esistente ” . E non e’ finita perchè alla Riserva Naturale Grotta di Entella “leggeremo nelle rocce un evento unico quale quello della chiusura del Mediterraneo – ha dichiarato Enza Messana , Direttrice della Riserva Naturale Grotta di Entella – avvenuta 6 MLN di anni fa. La Rocca di Entella ospita i resti della città di origine elima risalente al sesto secolo a.C.”

“E’ la prima volta che i geologi sono tutti insieme in un grande evento – ha dichiarato Rodolfo Coccioni , Vice Presidente della Federazione Italiana di Scienze della Terra – e l’ Italia ha assoluto bisogno di geologi . La Sicilia sarà grande protagonista con ben 14 geoeventi che andranno dai vulcani alle città al fiume Alcantara . Non macheranno conferenze mostre , attività laboratoriali”.

Questa Italia “ha un grande patrimonio geologico – ha dichiarato Silvio Seno, Presidente della Federazione Italiana di Scienze della Terra – di notevole valore e da tutelare” . Dunque anche in Sicilia é tutto pronto . Per la prima volta un evento unirà Etna – Vesuvio – Campi Flegrei . Un ponte Etna – Vesuvio – Campi Flegrei , Catania – Napoli – Pozzuoli perché nelle stesse ore saranno aperte al pubblico le porte del Museo dell’Osservatorio Vesuviano con il primo film al mondo girato su un Vulcano dai fratelli Lumière appena due anni dopo aver inventato il cinema o si potrà essere a Catania dove l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Sezione di Catania, Osservatorio Etneo (INGV-OE) aprirà le porte della sua sala operativa di monitoraggio sismico e vulcanico, ed offrirà l’occasione di conoscere strumenti e personale impegnati quotidianamente nello studio e nel controllo dell’attività del più attivo vulcano d’Europa: l’Etna. Nelle stesse ore a Pozzuoli si potrà entrare nel cuore dei Campi Flegrei dove i canti messi in scena dai ragazzi delle scuole di Pozzuoli ricorderanno la nascita del Monte Nuovo ed in Sicilia vedere dall’interno l’Etna .

Palermo ospiterà il Mineral Day ma eventi si avranno in tutta l’isola .

A Milo ( Catania ) sulla lava del 1865 che diede origine ai Monti Sartorius

L’Associazione Culturale Turistica NeT propone, nell’ambito della Settimana del Pianeta Terra, l’escursione al sentiero natura Monti Sartorius, nel territorio del Parco Regionale dell’Etna.

Il percorso, che riveste eccezionale interesse sia dal punto di vista geologico che botanico, si snoderà a partire dalla sbarra forestale lungo radure ricche di specie endemiche, bombe vulcaniche di notevoli dimensioni e formazioni boschive dominate dalla Betulla (Betula aetnensis).

L’eccezionale interesse geologico è rappresentato dalla imponente colata del 1865 che ha dato origine ai Monti Sartorius (in onore e a memoria dello studioso Sartorius von Waltershausen che fu tra i primi a riportare cartograficamente le più importanti eruzioni dell’Etna) caratterizzati dall’allineamento di sette conetti eruttivi (“bottoniera”).



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata