Notizie | Commenti | E-mail / 18:25
                    








Porto Empedocle, omicidio Giuseppe Adorno: De Rubeis condannato a 13 anni di carcere

Scritto da il 21 giugno 2013, alle 08:26 | archiviato in Cronaca, Porto Empedocle. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Tredici anni di reclusione sono stati inflitti a Giuseppe De Rubeis, 29 anni, di Porto Empedocle, imputato per l’omicidio del compaesano ed ex compagno di scuola, Giuseppe Adorno, scomparso il 24 agosto del 2009 e trovato cadavere due settimane dopo. La sentenza è stata emessa dal Gup del Tribunale di Agrigento, Alessandra Vella, al termine del processo celebrato con il rito abbreviato. Ancora non si conosce il vero movente del delitto. Il pubblico ministero Giacomo Forte aveva chiesto l’ergastolo. In merito alla sentenza di condanna per Gisueppe De Rubeis da registrare l’intervento dell’avvocato Alessandro Patti, nella qualità di procuratore speciale e difensore di Domenico Adorno, Maria Annunziata Stendardo, Luca e Salvatore Adorno, congiunti del defunto Giuseppe e parti civili costituite nel processo a carico di Giuseppe De Rubeis celebratosi dinanzi al Gup del Tribunale di Agrigento, “oggi, a distanza di quasi quattro anni dal 24 Agosto 2009 (giorno in cui Giuseppe Adorno venne ucciso), finalmente la famiglia Adorno vede premiata la sua incondizionata scelta di fidarsi ed affidarsi totalmente alla Giustizia, alle Forze di Polizia, alla Magistratura, offrendo sin da subito il proprio contributo diretto ed indiretto al fine di far luce sulla macabra uccisione del congiunto Giuseppe. Pur non conoscendo ancora le motivazioni della sentenza, è sin troppo facile prevedere che la totale e definitiva proclamazione della verità processuale dovrà seguire un articolato e lungo percorso giudiziario. Ma, dopo tante beffarde amarezze (su tutte, la primigenia archiviazione dell’indagine su richiesta della Dda di Palermo), oggi è stata posta una pietra miliare, che consentirà loro di affrontare il processo con rinvigorita fiducia nella Magistratura inquirente e giudicante”.



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata