Notizie | Commenti | E-mail / 16:56
                    






Canicattì, la storia de “lu Tri di Maiu”

Scritto da il 3 aprile 2016, alle 06:56 | archiviato in Arte e cultura, Canicattì, Costume e società, Cronaca, Photo Gallery. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

tri-di-maiuNegli ultimi giorni, soprattutto tra i giovani, molti si sono chiesti cos’era e com’era un tempo la festa di ” LU TRI DI MAIU “. Secondo il parere di molti cittadini, la festa di “LU TRI DI MAIU” può essere considerata una delle feste più importanti e significative di Canicattì, particolarmente sentita nello storico quartiere di Borgalino, che tra sacro e profano esprimeva la civiltà contadina della nostra terra, trascinando così molte persone dei paesi vicini.
Negli anni ’50-80 durava una decina di giorni, con una grande fiera di bestiame e di mercanzie. Si iniziava con una pittoresca Rietina, una sfilata per le vie della città di tantissimi muli e cavalli, addobbati secondo antica tradizione. Durante la festa in numerose bettole e osterie (le cosiddette putii di vinu), oltre al vino si consumavano carciofi bolliti e moltissime uova sode, e si faceva letteralmente a gara a chi mangiava e beveva di più. Solenne anche la processione del pomeriggio, con le vare del Crocifisso e dell’Immacolata seguite da portatori di lunghi ceri adorni di fiori; mentre alla domenica successiva il Crocifisso faceva il giro del rione (raccoglieva soldi, ma anche oro, frumento, fave…).
Dagli anni ’90 in poi furono inserite tantissime cose: la sagra di l’ova duri, di li cacuecciuli, la sagra del gelato, della torta e pure della ricotta. Molti sono i ricordi legati alla mitica Straborgalino, per poi tornare lassù in piazza Indipendenza con una maglietta o un pallone. Tra gli appuntamenti più attesi senza dubbio c’erano i cantanti, che nel corso del tempo hanno reso omaggio a tali festeggiamenti (da Mario Merola a Nino D’Angelo) e la Rietina, con la partecipazione della banda musicale, del gruppo Folk e di li Tammurinara. Difficile dimenticare i vecchi giochi di quartiere come: la corsa con i sacchi, il tiro alla fune, la trottola, la nzipita, mosca cieca, l’albero della cuccagna… tornei di calcio organizzati alla grande pure con le mascotte, tornei di pallavolo femminile, per poi finire con i fuochi d’artificio veramente degni di nota… cosi come degni di nota erano le piazze e le vie piene di luci (illuminazione) e di gente davanti alle baracche per comprare il tradizionale torrone o la cubaita.
Tale articolo privo di critica, è stato realizzato per fare conoscere meglio quella che è stata la storia della nostra città, con la speranza a chi di competenza di continuare a impegnarsi sempre su tutti i fronti affinchè le nostre feste e le nostre tradizioni continuano nelle generazioni a venire, con la partecipazione e la devozione di tanti fedeli.
A cura di Vincenzo Ferrante Bannera



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata