Notizie | Commenti | E-mail / 11:20
                    








Caporalato, sfruttati per un euro l’ora: romeni costretti a lavorare in nero 7 giorni su 7 con orari disumani

Scritto da il 18 dicembre 2017, alle 06:04 | archiviato in Costume e società, Cronaca, cronaca sicilia, Photo Gallery. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Due fratelli, titolari di una delle aziende ispezionate dai carabinieri di Catania e Caltagirone, sono stati arrestati per le condizioni di lavoro disumane in cui costringevano cinque romeni a lavorare in alcune aziende zootecniche al confine tra il Calatino e la provincia di Siracusa.

I dipendenti lavoravano in nero, senza copertura sanitaria e previdenziale, per oltre 15 ore al giorno, con inizio alle 4 del mattino, 7 giorni su 7 e per circa un euro all’ora. Erano ospitati in un tugurio di pochi metri quadri, con un solo bagno in pessime condizioni, posizionato vicino a una delle stalle dov’erano ricoverati degli animali.

I due fratelli arrestati hanno 50 e 45 anni; il padre, denunciato, ne ha 81. I carabinieri hanno anche sanzionato l’azienda per circa 150 mila euro, tra ammende e violazioni amministrative. Gli arrestati, in attesa della direttissima, sono ai domiciliari.

Contestualmente nella zona di Paternò un’altra squadra di carabinieri del Nil di Catania, supportata dai militari locali, si sono appostati nelle principali piazze del paese, dove si sospettava la presenza di caporali addetti al reclutamento di manodopera in nero, e pedinandone uno si sono ritrovati in un agrumeto di fronte a dieci lavoratori (su 15 operanti, tutti romeni), reclutati completamente in nero. Al titolare della ditta sono state elevate sanzioni amministrative per circa 30 mila euro e recuperi contributivi per circa 10 mila euro.

 



loading..


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario





CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617
Direttore Cesare Sciabarra'
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata