Notizie | Commenti | E-mail / 07:42
                    




Prostituisciti o facciamo male a tua figlia: quattro condannati

Scritto da il 7 marzo 2018, alle 06:12 | archiviato in Costume e società, Cronaca, cronaca sicilia, Photo Gallery. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Sono stati condannati dalla corte d’assise di Palermo quattro romeni che avrebbero ridotto in schiavitù e costretto a prostituirsi una loro connazionale.

I cinque erano imputati a vario titolo di sequestro di persona a scopo di estorsione, riduzione in schiavitù e sfruttamento della prostituzione e violenza sessuale. La vittima fu convinta dai connazionali, tutti appartenenti a uno stesso nucleo familiare, a trasferirsi a Palermo con la figlia di tre anni promettendole un lavoro da badante, ma una volta arrivata in città le furono sequestrati i documenti.

I romeni l’avrebbero quindi costretta a prostituirsi minacciando ritorsioni nei confronti della figlia di tre anni, arrivando perfino a minacciare la piccola di morte. L’indagine, condotta dai sostituti procuratori Giorgia Spiri e Claudio Camilleri, è scattata infatti quando la giovane mamma è stata convinta da un cliente a denunciare le violenze e il sequestro della figlia.

 



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



1 Risposta per “Prostituisciti o facciamo male a tua figlia: quattro condannati”

  1. europa ha detto:

    non erano rumeni,erano zingari con documenti dalla romania,non dovete fare piu questa confuzione

Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata