Notizie | Commenti | E-mail / 17:28
                    




Piero Ragusa: “La politica a Naro è una lotta tra neri in una notte senza Luna”

Scritto da il 23 maggio 2018, alle 06:52 | archiviato in Costume e società, Photo Gallery, Politica, Politica Naro. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Riceviamo e pubblichiamo:
Che la maggioranza consiliare, al Comune di Naro, non sia così geniale e produttiva di risultati è sotto gli occhi di tutti.

Ma che l’opposizione faccia peggio è idea che si va diffondendo e condividendo sempre più tra i cittadini.

Mi riferisco, per ultimo, al bilancio 2018, presentato dalla maggioranza, e agli emendamenti al bilancio presentati dall’opposizione.

Bene o male, la maggioranza arriva a predisporre lo strumento finanziario e a farne approvare lo schema alla Giunta, riuscendo in un’impresa che sembra tuttora ardua per la maggior parte dei Comuni della provincia.

Ma all’opposizione ciò non piace e così va a protocollare un nutrito elenco di emendamenti.

Per fare cosa? Udite, udite. L’opposizione propone ufficialmente:

di ridurre la spesa prevista per il randagismo, portandola da novemila a duemila euro;
di azzerare o quasi le previsioni di spesa per l’acquisto di nuovi libri presso la biblioteca comunale; per la sistemazione, la manutenzione e l’abbellimento del verde pubblico;
di dimezzare le previsioni di spesa per le disinfestazioni e le derattizzazioni; per la manutenzione ordinaria e la gestione del cimitero;
di ridurre drasticamente le previsioni di spesa per l’incentivazione delle iniziative dell’agricoltura e della zootecnia; per la fornitura della segnaletica stradale; per la sistemazione delle vie e piazze e delle loro buche; ecc…
Viene da chiedersi a questo punto: ma perché l’opposizione intende ridurre queste spese? Forse perché vuole incrementarne altre? Vuole aumentare i capitoli di altre spese necessarie e più urgenti?

Si, l’opposizione vuole incrementare altre voci di spesa, come per esempio le seguenti:

-aumento delle ore lavorative per tutti i dipendenti ex lsu e ex asu (?);

-realizzazione di un ascensore nel Municipio (lodevole);

– manutenzione straordinaria della palestra di Via Matteotti (?);

-acquisto di una nuova corriera urbana (sicuramente necessaria);

– maggiore spesa per la refezione scolastica (buona);

Peccato però che la refezione scolastica per l’anno in corso sia stata già appaltata ed il prezzo non possa essere aumentato.

Peccato che per l’acquisto di una nuova corriera urbana non sia stato richiesto un preventivo di spesa, che faccia capire come la spesa proposta nell’emendamento sia del tutto insufficiente.

Peccato che per l’ascensore al Comune e la manutenzione straordinaria della palestra, tra l’altro inagibile, non sia stato prodotto un progetto esecutivo aggiornato col quale procedere poi alla gara ad evidenza pubblica, alla successiva aggiudicazione e alla firma del contratto d’appalto.

Infatti, non riuscendo a firmare il contratto d’appalto entro la fine dell’anno (è pressoché impossibile in soli sei mesi bandire gli incarichi di progettazione, assegnare gli incarichi, fare i progetti, renderli esecutivi coi visti di legge, fare gli atti tecnici di gara, pubblicare i bandi per la durata di legge, esaminare tutte le offerte pervenute, procedere all’aggiudicazione e alle altre pubblicazioni di legge, sottoscrivere il contratto), le spese previste andrebbero in economia, cioè non servirebbero più a nulla.

Mi chiedo invece perché l’opposizione non abbia fatto un emendamento per finanziare la spesa occorrente per la messa in opera delle giostrine e dei giochi acquistati e non installati nel parco giochi di piazzetta Pertini.

Alcuni consiglieri d’opposizione hanno fatto una grande campagna stampa contro questa dimenticanza dell’Amministrazione.

Adesso avevano l’occasione per correggere l’errore dell’Amministrazione, proponendo di iscrivere in bilancio la spesa occorrente alla messa in posa di giostrine e giochi.

Perché non l’hanno fatto? E qui mi fermo perché l’elenco è lungo.

Ma davvero è iniziata la campagna elettorale per le prossime comunali?

E davvero si pensa che i cittadini abbiano ancora gli occhi bendati?

La politica nel nostro comune ha alzato un polverone di confusione così fitto e alto che difficilmente si riesce a capire da quale parte stanno i nostri eroi della politica locale.

Non c’è identità politica all’interno del Palazzo, dove ognuno fa come gli pare senza minimamente badare ai veri interessi dei cittadini, mentre di altre forze politiche si sconosce l’esistenza.

Non c’è stata in questi anni una vera programmazione a breve, medio e lungo termine, nessuna progettualità per il futuro di Naro.

Si è consumato il gioco del Bastian contrario senza curarsi di non essere contrario agli interessi della collettività in una vera e propria lotta tra neri in una notte senza Luna.

Nel’ ultimo atto di questa amministrazione ci aspettiamo un epilogo diverso, dignitoso per la politica e produttivo per il nostro paese.

E’ ora di finirla e cambiare passo o di restare fino alla fine del mandato a sollevare polveroni per cercare invano di nascondere un fallimento plateale che appartiene a tutta la politica locale.



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



1 Risposta per “Piero Ragusa: “La politica a Naro è una lotta tra neri in una notte senza Luna””

  1. Paolo francolino ha detto:

    Hai ragione, caro Piero, ormai siamo al ‘chi piglia un turcu è sò’.Basta che si facciano delle proposte,che si dimostri di essere di un’opinione diversa e basta.Siamo alla frutta, nessun miglioramento, nessun amore per la comunità:Basta mettersi in luce e basta e che il paese e i cittadini finiscano in malora.Tanto a chi importa?

Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata