Notizie | Commenti | E-mail / 22:15
                    




Canicattì: Largo Marengo, una magica serata di alta cultura. Una lezione sulla valorizzazione dei luoghi. Assente l’amministrazione comunale

Scritto da il 16 luglio 2018, alle 07:47 | archiviato in Canicattì, Cronaca, IN EVIDENZA. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Sabato 14 luglio il centro storico di Canicattì è stato teatro di una rivisitazione di fatti e personaggi descritti con rara maestria nell’ultima opera del preside prof. Gaetano Augello dal titolo originale e stimolante “Canicattì in 138 pillole”. Un pubblico assai numeroso e particolarmente attento ha seguito in Largo Marengo – nel cuore dell’amico quartiere “di li Furchi”, ove un tempo venivano eseguite le condanne a morte per impiccagione – una conversazione di alto profilo culturale tra le professoresse Anna Rita Alu’ e Melania Curto e lo storico prof. Gaetano Augello. Durante lo svolgersi del caffè letterario – concluso da un alto intervento del presidente dell’Associazione Culturale Athena avv. Giovanni Salvaggio – sono stati proiettati filmati sulla storia di Canicattì e tutte le foto – rigorosamente inedite – inserite da Augello nel suo ultimo libro. Tutto in una splendida serata e in uno scenario reso particolarmente fascinoso dall’opera prestata con generosità dai componenti dell’Associazione Culturale Athena che ha organizzato e curato nei minimi particolari la manifestazione. Gaetano Augello ha parlato di un antico insediamento ebraico nello storico quartiere e delle vicende relative all’arresto ed alle esecuzioni capitali eseguite nel maggio del 1727 di sette pericolosi criminali capeggiati da Raimondo Sferlazza, un chierico della vicina Grotte. La serata è andata avanti per più di due ore con percepibile costante interesse all’ascolto da parte di un pubblico particolarmente qualificato. Dai presenti, tuttavia, è stata constatata con amarezza e fortemente stigmatizzata l’assenza del sindaco o di un suo rappresentante. Assenza grave dal momento che si tendeva a dare un segnale forte in vista della riqualificazione del centro storico, utilizzando per la prima volta una struttura teatrale in muratura realizzata proprio in quella piazzetta in anni recenti. Nel momento in cui per la prima volta l’estate canicattinese scorre tra la noia generale senza alcun evento culturale o ricreativo, l’Amministrazione Comunale non ritiene di esprimere apprezzamento e vicinanza ad un gruppo di cittadini che – da soli, a proprie fatiche e spese,  sotto la guida intelligente e disinteressata dell’avvocato Giovanni Salvaggio – realizzano un evento unico e da tutti apprezzato. Da rilevare che in altre occasioni sindaco e assessori si sono precipitati ad assistere a piccoli incontri che hanno visto la presenza di sei-sette persone.  L!Associazione
 Athena svilupperà ulteriormente il suo percorso di alto profilo culturale e scientifico in prossime manifestazioni, confidando sempre nella partecipazione e nell’apprezzamento di quanti auspicano una rinascita e crescita – culturale e non solo – della nostra Città.
Foto GIOAMICO


Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



2 Risposte per “Canicattì: Largo Marengo, una magica serata di alta cultura. Una lezione sulla valorizzazione dei luoghi. Assente l’amministrazione comunale”

  1. Nando ha detto:

    Scusate, considerato che l’età media di questa amministrazione è di anni 40/45, come potete pretendere un forte interesse per queste iniziative culturali che interessano la storia della nostra città ? Forse, se fosse stato previsto un buffet o gettone di presenza qualcuno sarebbe venuto. Siamo la vergogna della provincia di Agrigento abbiamo toccato il fondo. Città sudicia di sporcizia e topi, inciviltà per le vie cittadine non custodite dalle forze dell’ordine. Cara Amministrazione comunale deponete le “ARMI”, rinunciate al reddito d’inclusione che percepite e tornate al vostro lavoro ( se lo avete ). Vogliamo almeno coltivare una speranza di rinascita di questa città, ma se non andate via, ciò è impossibile.
    Cesare, ultimamente si è un pò spento il riflettore sulla nostra città, non dobbiamo perdere la speranza che si possa risalire la china, anche se siamo consapevoli che solo le cose belle durano poco !!!!!!!!Buona giornata a tutti !!

  2. Diego ha detto:

    Signor Nando, forse lei gira poco. Vada a Licata, Agrigento, Favara. A paragone Canicattì è in paradiso. Altro che vergogna della provincia. Vuole cambiare amministratori? Saremo punto e da capo. Bisognerebbe cambiare ben altro, e non solo a Canicattì.

Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata