Notizie | Commenti | E-mail / 19:32
                    




Sisma e alluvione, Di Maio in Sicilia

Scritto da il 23 ottobre 2018, alle 06:26 | archiviato in Politica, politica sicilia. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Il vice premier Luigi Maio insieme al capo della Protezione civile Angelo Borrelli sabato e domenica sarà in Sicilia per un sopralluogo nei comuni colpiti dall’alluvione di venerdì scorso e nei comuni danneggiati dal sisma del 6 ottobre. Non solo, il Governo è pronto a sbloccare immediatamente le somme necessarie a mettere in sicurezza i luoghi, dopo una ricognizione e stima dei danni.

E’ quanto emerso nel corso di un incontro a palazzo Chigi, a Roma, tra il vice presidente del Consiglio dei ministri Luigi Di Maio, il capo della Protezione civile Angelo Borrelli, i sindaci dei comuni di Biancavilla, Adrano, Santa Maria Di Licodia, Paternò, il vicesindaco di Ragalna, una delegazione di parlamentari nazionali del M5S, eletti in Sicilia, guidati dal vice presidente dell’Ars Giancarlo Cancelleri presente insieme ai deputati regionali del M5S Jose Marano e Antonio De Luca.

“Oggi ho incontrato i sindaci siciliani. Abbiamo preso impegni a partire dalle scuole per trasferire le risorse e rendere di nuovo agibili gli edifici pubblici e nel weekend sarò in Sicilia con il capo della Protezione civile per fare stime riguardo ai danni che hanno colpito gli edifici privati – spiega Di Maio fuori da Palazzo Chigi – C’è la massima volontà di aiutare i Comuni colpiti da quel sisma e sempre nel weekend effettueremo un sopralluogo in Sicilia nelle aree colpite dall’alluvione in queste ore. C’è la massima vicinanza alla Sicilia, una terra che ha bisogno di aiuto. Ci siamo come governo e da settimane ci siamo per ripristinare il prima possibile gli edifici colpiti dal sisma”.

Per i comuni etnei colpiti dal terremoto che ha reso inagibili edifici pubblici, luoghi di culto, provocato la chiusura di strade e arterie di collegamento, nei giorni scorsi la Regione siciliana aveva chiesto lo stato di emergenza, mentre per i comuni alluvionati si appresta a stanziare 6 milioni di euro.

L’incontro con i sindaci a palazzo Chigi è servito a fare il punto della situazione. Nei giorni scorsi, infatti, gli amministratori dei cinque comuni etnei hanno stilato una relazione, che quantifica i danni, dopo una prima ricognizione con i tecnici della protezione civile. “E’ stato un incontro proficuo: il nostro augurio è che questa speranza possa tramutarsi in celerità degli interventi da compiere. E la riunione di oggi mi lascia ben sperare in tal senso. Mi è d’obbligo ringraziare il Vice premier e la Protezione civile nazionale. Sappiamo cosa significhino i doppi turni a scuola e, anche, cosa significhi vedere le nostre chiese chiuse: per questo, dico alla mia comunità di restare unita. Perché uniti verremo fuori da questo momento”.

“A nome della delegazione di parlamentari del M5S – ha detto il deputato regionale Giancarlo Cancelleri nel corso dell’incontro – voglio ringraziare Luigi Di Maio e il Governo per aver teso immediatamente una mano ai sindaci siciliani dei comuni colpiti dalla calamità naturale, che per fortuna non ha provocato vittime. Questo approccio segna un cambio di passo e dimostra che i sindaci non sono soli. Siamo pronti a fare squadra e la visita di Luigi Di Maio e del capo della Protezione civile del 27 e 28 ottobre nei territori colpiti dall’alluvione e dal sisma è segno della grande attenzione del Governo per la Sicilia e i siciliani”.

 



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata