Notizie | Commenti | E-mail / 14:23
                    






Il Codacons chiede la sospensione delle lezioni negli istituti con problemi ai sistemi di riscaldamento

Scritto da il 11 gennaio 2019, alle 06:14 | archiviato in Politica, politica sicilia. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Sulla vicenda delle scuole fredde interviene il Codacons che chiede l’immediata chiusura degli istituti scolastici dove si registrano problemi ai sistemi di riscaldamento.

Il Codacons, a seguito delle tante proteste ricevute dagli studenti, dagli insegnanti e dai genitori e considerato il perdurare di disagi dovuti all’assenza di adeguate misure di riscaldamento, annuncia la presentazione di un esposto alla magistratura siciliana chiedendo di indagare per reato di interruzione di pubblico servizio.

“L’impossibilità di frequentare gli istituti scolastici a causa delle temperature proibitive delle aule – dice il segretario nazionale, Francesco Tanasi – potrebbe configurare l’interruzione di un servizio pubblico quale è l’istruzione. Occorre individuare i responsabili di tale situazione e indagare su ciò che è stato fatto per prevenire un disservizio così grave”.

Il Codacons chiede inoltre che vengano forniti i dati del monitoraggio sullo stato di funzionamento degli impianti di riscaldamento delle scuole siciliane, ritenendo indispensabile l’intervento dei prefetti dell’Isola per ottenere la mappatura degli edifici scolastici interessati da tali disservizi e per richiamare alle loro responsabilità tutti gli enti, dal singolo Comune all’edilizia scolastica regionale, che hanno il dovere di vigilare per la somministrazione del riscaldamento.

Il funzionamento degli impianti di riscaldamento deve essere garantito per tutelare la sicurezza di tutti gli operatori del settore scolastico ed evitare l’esposizione a rischi per la salute, insieme a ogni altro disagio che gli utenti del servizio scolastico sono costretti a subire. Molti saranno infatti quei genitori che, per evitare di far soffrire il freddo ai propri figli, non li hanno potuti mandare a scuola ricorrendo a ferie, permessi sul lavoro o baby sitter, traducendosi in un costo enorme per le famiglie, che i responsabili dovranno risarcire.

Il Codacons, pertanto, ha allo studio azioni risarcitorie per richiedere il ristoro dei danni subiti e lancia un appello a tutte le famiglie siciliane di segnalare a noaulefredde@gmail.com casi di disagio registrati nelle scuole a causa del freddo.

 



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata