Notizie | Commenti | E-mail / 00:08
                    






Naro, agricoltore ucciso a colpi di zappa: il racconto in aula

Scritto da il 12 gennaio 2019, alle 06:58 | archiviato in Cronaca, Naro. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

E’ ripresa  – davanti la Corte d’Assise di Agrigento – l’udienza del processo a carico di un’intera famiglia – Vasile Lupascu, 44 anni, il figlio Vladut Lupascu, 19 anni e la moglie Ansioara Lupascu, 39 anni – accusati di aver ucciso lo scorso 7 luglio il connazionale  Costantin Pinau, bracciante agricolo rumeno ma residente a Naro, in seguito ad un diverbio che quest’ultimo avrebbe avuto con il figlio del presunto killer. In aula il racconto degli attimi successivi alla tragedia che si è consumata intorno alle 6.30 del mattino del 7 luglio. A deporre un luogotenente in servizio a Canicattì e un appuntato in servizio a Camastra, entrambi presenti sulla scena del delitto poco dopo dal suo compimento. “Siamo intervenuti in seguito a segnalazione – ha raccontato il luogotenente – e abbiamo proceduto all’arresto in base alle dichiarazioni della moglie della vittima”. L’appuntato ha illustrato, invece, quanto successo in ospedale: “La donna (oggi imputata) era rimasta ferita ed era stata portata all’ospedale Barone Lombardo di Canicattì dove però vi era anche la moglie della vittima e familiari. Ci sono stati momenti di tensione e fu deciso di portare l’imputata al San Giovanni di Dio di Agrigento”. Alla base dell’omicidio ci sarebbe stato un presunto litigio che la vittima avrebbe avuto con il figlio dell’aggressore. I Lupascu decisero di attendere il rientro a casa di Pinau, insieme alla moglie, cogliendoli di sorpresa. Armati di coltello e spranga di ferro, oltre che una zappa, si scagliarono contro Pinau colpendolo alla testa. Colpi di bastone anche nei confronti della moglie di quest’ultimo riuscita a scampare alla morte soltanto grazie al marito che, ormai in fin di vita, riuscì ad attirare verso di se gli aggressori. Pinau morì in seguito ad un vasto trauma cranico provocato dai colpi di zappa. Gli esecutori materiali – secondo gli inquirenti – furono Vasile Lupascu ed il figlio. Nell’auto di quest’ultimo i carabinieri trovarono la spranga di ferro, ancora intrisa di sangue, usata per la spedizione. La famiglia Lupascu è difesa dagli avvocati Salvatore Pennica, Diego Giarratanara e Francesco Panico. Si torna in aula l’1 febbraio. 



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata