Notizie | Commenti | E-mail / 05:56
                    






La polizia postale lancia l’allarme: “E’ in corso una massiccia attività di spamming a scopo di estorsione, non pagate mai”

Scritto da il 16 gennaio 2019, alle 06:12 | archiviato in Costume e società, Cronaca, cronaca sicilia, Photo Gallery. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

È nuovamente in corso, in queste ore, in tutta Italia una massiccia attività di spamming a scopo estorsivo attuata, ancora una volta, con l’invio di email in cui gli utenti vengono informati dell’hackeraggio del proprio sistema operativo e dell’account di posta elettronica.

E’ l’allarme lanciato dalla Polizia Postale dopo le numerose segnalazioni arrivati ai compartimenti in diverse regioni. Sfruttando una vulnerabilità del router, i cybercriminali installano un ‘trojan horse’, vale a dire un malware, che riesce a sottrarre tutti i dati presenti in cellulari, pc e tablet, in particolar modo la cronologia dei siti web visitati, i contatti e le mail. Una volta avuti i dati, i criminali minacciano gli ignari utenti di divulgare a tutti il tipo di siti visitati e chiedono un ‘riscatto’ in criptovaluta per non diffondere le informazioni personali.

“Attenzione – dice però la polizia postale – nulla di tutto ciò è reale”: si tratta solo di “un’invenzione dell’autore del reato, elaborata al solo scopo di gettare il destinatario della mail nel panico e indurlo a pagare la somma illecita”. La polizia postale ribadisce infatti che “è tecnicamente impossibile il fatto che chiunque, pur se entrato abusivamente nella nostra casella di posta elettronica, abbia potuto, solo il fatto di aver avuto accesso alla mail, installare un virus in grado di assumere il controllo del nostro dispositivo, attivando la webcam o rubando i nostri dati”.

L’invito della Polizia Postale è chiaro: “non pagare assolutamente alcun riscatto: l’esperienza maturata – si sottolinea – dimostra che, persino quando il criminale dispone effettivamente di nostri dati informatici, dargli soldi determina un accanimento nelle richieste estorsive, per ottenere ulteriore denaro”.

 



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata