Notizie | Commenti | E-mail / 00:09
                    






Canicattì: la terra che ha sfamato e arricchito una comunità, oggi, violentata, stuprata, offesa…. la spazzatura a posto dell’agricoltura

Scritto da il 15 febbraio 2019, alle 12:38 | archiviato in #Esclusiva, Canicattì, Cronaca. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Siamo diventati il paese dei misteri. Dopo il mistero dei pozzi di contrada Gulfi, di Foro Boario, di contrada Buccheri, del Cam, della differenziata ballerina ( dal 30 al 7%), delle emergenze, di centralini telefonici, di segnali stradali che spariscono da un luogo per concretizzarsi in un altro, di spostamenti repentini, di concorsi bizzarri, di assunzioni misteriose, dei  pizzini, meri pezzi di carta promossi a titoli di credito,  oggi dobbiamo assistere anche all’infossamento di rifiuti di dubbia provenienza interrati nella stessa terra che ha arricchito una popolazione per tanti decenni, la stessa terra che ha fatto diventare Canicattì, la città dell’Uva Italia, che ha dato dignità ad  una comunità intera. Quella terra che meglio di qualsiasi altra terra ha prodotto ricchezza, benessere, economia. Il solo pensiero di potere pensare che si possa sostituire una pianta di vigna piuttosto che un albero di pesche con della spazzatura, fa rabbrividire. Ma fa rabbrividire quel silenzio omertoso, quell’insopportabile  indifferenza dinnanzi a tutto ciò che accade alle spalle di una comunità in ginocchio. Nessuno ha visto, nessuno sapeva, nessuno se  ne accorto.Dinnanzi ad una notizia del genere , la politica dovrebbe scendere in piazza, le istituzioni dovrebbero testimoniare il proprio sdegno, la propria preoccupazione. Il comune dovrebbe fin da adesso annunciare di costituirsi parte civile se si dovessero accertare responsabilità  per il danno che ne trarrà l’intera comunità da un fatto così grave.

L’unica preoccupazione : la dichiarazione di fallimento. Volendo giocare con le parole, dico che non è neanche necessario che si faccia una dichiarazione. Il fallimento è sotto gli occhi di tutti anche a prescindere dal dato economico a cui si può pensare di fare riferimento. Il fallimento è politico, di una classe politica inetta, inadeguata, apatica, incapace. Il fallimento è  strutturale in un paese violentato, martoriato, stuprato, sodomizzato, ove chiunque decide e dispone di fare quello che vuole facendosi forte della totale indifferenza che viene tradotta con l’impunità. Il fallimento è culturale; dove le passerelle vengono farcite di cultura di plastica, finta, stereotipata, vuota. Il fallimento è morale; dove per morale si intende il percorso che porti ad una presa di coscienza di responsabilità. Quando parlo del “ partito dell’orticello” tento di raffigurare la pochezza in modo plastico, figurativo, grafico. Quando a dettare l’agenda, o meglio gli appunti di cosa ci rimane da distruggere è il partito dell’orticello, siamo all’atto finale di una tragica commedia il cui epilogo è scritto nel destino di ognuno di noi, che andiamo avanti con la speranza che mai, sulla tavola dei nostri figli possa arrivare cibo contaminato dalla merda di chi ha sotterrato i rifiuti in quel terreno che è stato nostra Madre, nostro Padre, il nostro Dio. Inizio a pensare alla luce di ciò che riesce a produrre la politica, che anche sotto quell’orticello vi siano stati infossati rifiuti…. cosa pensiamo di potere raccogliere?



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



3 Risposte per “Canicattì: la terra che ha sfamato e arricchito una comunità, oggi, violentata, stuprata, offesa…. la spazzatura a posto dell’agricoltura”

  1. DOMENICO ha detto:

    Nutro profonda tristezza nell’ apprendere che il paese dove sono nato e cresciuto, cade sempre più in rovina. È triste sapere di non poter fare affidamento su nessuno che risolva di un minimo i problemi, anzi ne accumula sempre di più. Un paese sodomizzato dall’ ignoranza non può essere nient’altro che un paese che vive di bella apparenza ad un tavolo di un bar. Evidentemente i fumi alcolici di un ipocrita vita mondana inebriano così tanto le menti, da non vedere più la montagna di merda sulla quale si è seduti…alla “SALUTE”

  2. Giuseppe Ferrante ha detto:

    Buongiorno, io scrivo da Bolzano dove lavoro nel settore ambientale. Noto ogni volta che vengo a Canicattì, come il problema dei rifiuti urbani, anzichè essere una risorsa almeno per la parte differenziabile, siano un problema.
    A Bolzano abbiamo costruito un termovalorizzatore da 150 milioni di euro, questo non ha annullato il problema dei rifiuti, ma quantomeno ha reso gestibile il ciclo.
    La Sicilia, non ha neanche un termovalorizzatore dove smaltire correttamente la parte indifferenziabile.
    In conclusione per dire, che per quanto tutte le amministrazioni pubbliche, possano ingegnarsi per risolvere il corretto smaltimento dei rifiuti, se non si investe nel corretto ciclo di smaltimento, il problema rimarrà tale e quale, anzi peggiorerà.

  3. Dario ha detto:

    Sono più di 30 anni che il territorio in cui viviamo ha il triste primato di crescita di casi per malattie tumorali e successive morti di persone in giovane età, come dimostrato dal registro provinciale tumori. Una notizia come questa è una conferma, ma non deve essere una sorpresa, utile solo a tanti sciacalli che approfittando dei mezzi di stampa e informazione, cercano notorietà e responsabili solo in avversari politici e amministratori locali contemporanei. Quanta pochezza, continuiamo a perdere i nostri cari per malattie inguaribili e si continua solo a diffondere aria fritta…

Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata