Notizie | Commenti | E-mail / 14:59
                    






Truffa a Ue da 5 milioni di euro per strade poderali: 43 indagati

Scritto da il 21 febbraio 2019, alle 06:12 | archiviato in Cronaca, cronaca sicilia, Photo Gallery. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Beni per 5 milioni di euro sequestrati per equivalente e 43 persone denunciate. E’ il bilancio dell’operazione Ruris della guardia di finanza di Enna sull’utilizzo di finanziamenti comunitari riconducibili al Programma di sviluppo rurale che ha fatto emergere una presunta truffa da 5 milioni di euro all’Unione europea. Gli indagati sono accusati, a vario titolo, di truffa aggravata, falsità ideologica, autoriciclaggio, dichiarazione fraudolenta ed emissione di fatture per operazioni inesistenti.

I finanziamenti comunitari al centro dell’inchiesta della Procura di Enna riguardano per lo più imprenditori agricoli di Nicosia, Gagliano Castelferrato, Villadoro, Nissoria, Leonforte e Assoro. Secondo l’accusa si sarebbero appositamente consorziati in associazioni interpoderali – committenti dei lavori – che dovevano realizzare o rifare strade interpoderali nell’Ennese nell’ambito del Psr Sicilia.

Gli imprenditori, sostengono dalla guardia di finanza di Enna, con la complicità delle imprese esecutrici, attraverso false fatturazioni che ‘gonfiavano’ i costi da un lato avrebbero aumentato le passività d’azienda, con un’evasione fiscale da 2,5 milioni di euro, e dall’altra certificato prestazioni di servizi e cessioni di beni mai avvenute o eseguite in modo non conformi rispetto ai finanziamenti comunitari e nazionali ottenuti.

Nell’ambito dell’operazione Ruris, le Fiamme gialle hanno anche scoperto la costituzione di ‘fondi neri’, configurando il reato di auto riciclaggio.

 



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata