Notizie | Commenti | E-mail / 12:15
                    






Il dna del pomodorino incastra i ladri: prodotto rubato era della varietà Hathor

Scritto da il 22 febbraio 2019, alle 06:08 | archiviato in Costume e società, Cronaca, cronaca sicilia, Photo Gallery. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

L’esame del Dna è stato determinante per la soluzione di un furto di pomodorini. Non pomodorini qualsiasi ma la varietà “Hathor” coltivata nelle serre di Portopalo di Capo Passero, nel Siracusano. Pomodorino igp di qualità richiesto dagli chef stellati di tutto il mondo.

Le indagini, scattate dopo la denuncia del furto, si sono indirizzate subito su un’altra azienda che stava per rivendere il bottino. Il proprietario della partita di pomodorini rubata non si è limitato a dichiarare l’ammanco ma ha indicato che il prodotto era già stato confezionato nella cassette con il logo di un’altra ditta concorrente pronto per essere spedito.

Gli agenti del commissariato di Pachino si sono recati nell’azienda incriminata trovando il pomodorino che i titolari, padre e figlia, hanno dichiarato essere stato regolarmente comprato da una terza azienda.

Ma l’esame del Dna ha scagionato quest’ultima impresa. Secondo i tecnici del Crea di Tavazzano (Lodi) che hanno analizzato il profilo genetico dei pomodorini “i campioni del denunciante e della ditta incriminata presentano lo stesso profilo”. Padre e figlia sono ora accusate di ricettazione.

 

 



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata