Notizie | Commenti | E-mail / 11:46
                    






Omicidio Biagio Vivacqua, Cassazione annulla sentenza: processo da rifare

Scritto da il 22 febbraio 2019, alle 06:52 | archiviato in Costume e società, Cronaca, Photo Gallery, Ravanusa. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

di Pier Attilio Trivulzio

E’ da rifare il processo d’appello per l’uccisione del rotamat di Ravanusa,Paolo Vivacqua.

La sentenza dei giudici della Prima Sezione della Corte di Cassazione(presidente Filippo Casa, Giacomo Rocchi, Raffaello Magi, Antonio MinchellaCarlo Renoldi) il 9 febbraio è stata depositata in cancelleria.

La prossima settimana il voluminoso plico di faldoni arriverà a Milano e dovrà essere scelta una nuova sezione d’Appello.

La Suprema Corte riconosce fondate le doglianze di tutti i ricorrenti: Antonino Giarrana. Antonio Radaelli, Salvino La Rocca, Diego Barba – relativamente alla inutilizzabilità del verbale contenente le dichiarazioni rese da Gino Guttuso il 27 gennaio 2014. Detto verbale risulta utilizzato per le contestazioni ed acquisito. Ed è stato valutato a carico degli odierni ricorrenti. Conclusione dei giudici: “Il profilo di fondatezza dei ricorsi riguarda le modalità dell’ascolto investigativo del Guttuso in qualità di persona informata dei fatti. Tale non era la corretta veste processuale da attribuirsi a tale soggetto, nei cui confronti erano da ritenersi già emersi indizi di potenziale coinvolgimento nel fatto di reato, tali da comportare l’assunzione della qualità di indagato. E pertanto la motivazione espressa dalla Corte d’Appello risulta erronea in diritto perché tende a valorizzare il dato formale della mancata iscrizione del Guttuso nel registro degli indagati e non corrispondente al valore dimostrativo dei dati conoscitivi che erano emersi a carico del Guttuso.

A questo proposito vanno dunque accolti il terzo motivo del ricorso Giarrana e La Rocca, il secondo motivo del ricorso Radaelli, il settimo motivo del ricorso dell’avvocato Gianluca Orlando e Manuela Cacciuttolo per Diego Barba con assorbimento dei motivi relativi a profili strettamente correlati”.

Quanto alla esecuzione dell’omicidio di Paolo Vivacqua i giudici scrivono che: “Giarrana e Radaelli sono stati raggiunti da elementi di prova totalmente autonomi rispetto alle dichiarazioni rese da Gino Guttuso. E condividono “la critica relativa alla mancata dimostrazione probatoria nel movente dell’omicidio Vivacqua”.

Per quanto attiene la posizione di Diego Barba e Salvino La Rocca “l’avvenuta espuntazione del contenuto dichiarativo proveniente dal Guttuso rende necessaria una complessa rielaborazione dei tempi di prova che non può che appartenere ai giudici di merito”

Annulla la sentenza impugnata nei confronti di Antonino Giarrana e Antonio Radaelli limitatamente alla circostanza aggravante della premeditazione nell’ambito del capo A e rinvia, per nuovo giudizio sul punto, ad altra sezione della Corte d’Appello di Milano”.

 



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata