Notizie | Commenti | E-mail / 10:44
                    






Canicattì: la sala del San Domenico stracolma per ascoltare ” le verità nascoste”. Relatori l’on Claudio Fava e il Procuratore Luigi Patronaggio

Scritto da il 23 febbraio 2019, alle 08:43 | archiviato in Canicattì, Cronaca. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Non è vero che la comunità canicattinese è disinteressata ad alcuni temi che riguardano la legalità. La sala stracolma del San Domenico ne è testimonianza. Un pubblico attento e coinvolto ha partecipato numeroso all’evento organizzato dall’associazione ” Le parole e le cose” di Massimo Blandini per la presentazione della relazione della Commissione siciliana antimafia sul depistaggio di via D’Amelio.

All’evento, moderato dal direttore della nostra testata ,  Cesare Sciabarrà, hanno partecipato il presidente della Commissione regionale antimafia Claudio Fava, il procuratore capo di Agrigento Luigi Patronaggio e il membro della Commissione regionale antimafia Carmelo Pullara. 

Il depistaggio della strage di Via D’Amelio  è stato sviscerato, raccontato come mai si era fatto. L’interesse dei partecipanti è stato palpabile. Straordinaria la narrazione dei fatti che il Presidente della commissione siciliana  antimafia  Claudio Fava ha fatto durante l’incontro, altrettanto interessante i diversi interventi del  Procuratore Patronaggio, che ha affrontato la questione non solo dal punto di vista giudiziario ma anche da una posizione più laicamente intellettuale. All’incontro ha dato un contributo anche l’On Carmelo Pullara , membro della commissione antimafia. Ad introdurre i lavori, il Sindaco Ettore Di Ventura che ha portato i saluti della città.



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



1 Risposta per “Canicattì: la sala del San Domenico stracolma per ascoltare ” le verità nascoste”. Relatori l’on Claudio Fava e il Procuratore Luigi Patronaggio”

  1. Sandro Marchese Ragona ha detto:

    Caro Cesare, purtroppo debbo riconoscere che chi ha depistato le indagini sin dalle primissime ore del dopo strage ha comunque raggiunto il suo scopo. Ti dico anche il perchè. Obiettivo loro era quello di non fare mai emergere la verità (coprire i rapporti tra mafia e istituzioni) oppure di ritardarla enormemente. Dopo tanti decenni di dolore, soprattutto per i familiari delle vittime, la verità comincia a sgorgare, ma quanti di quei protagonisti ormai pagheranno? Pochi, pochissimi, alcuni sono già morti di vecchiaia nelle loro case. Una verità consegnata dopo tutti questi anni è pur sempre utile ma rimane una giustizia negata, svilita, per tutti con l’amaro in bocca. Un GRAZIE agli organizzatori, alla tua ottima conduzione, al grandissimo Claudio Fava e al Dott. Patronaggio per il suo apprezzabilissimo contributo alla spiegazione della vicenda. Un ultimo GRAZIE ma non per importanza anche ai miei concittadini per la sensibilità dimostrata, la sala era stracolma ed attenta.

Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata