Notizie | Commenti | E-mail / 22:10
                    






Pullara a Legambiente sull’abusivismo: “chiediamo razionalità ed un programma d’intervento praticabile, contro il solito populismo”.

Scritto da il 19 marzo 2019, alle 11:45 | archiviato in Agrigento, Politica. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

È da diversi anni che intervengo con estrema chiarezza sul tema dell’abusivismo edilizio, senza mai nascondermi dietro la demagogia o appoggiandomi alle posizioni più comode del caso. Tengo a dire che è doveroso da parte delle autorità porre con fermezza un freno all’attività edilizia abusiva, come in effetti è accaduto e come sta accadendo . Desidero rispondere al Presidente Zanna di Legamebiente che l’emendamento proposto dal sottoscritto (insieme a Tamajo e Caronia) mira a dare un piano alle demolizioni, che ad oggi non hanno fatto altro che deturpare ulteriormente ed oltre ogni misura ambienti e paesaggi a causa della quantità di sfabbricidi ed al mancato ripristino dei luoghi ove si è abbattuto.
La demagogica posizione di Legambiente,  che anche in questo caso vede chiunque dica una sillaba in più accanto al verbo “abbattere” come “il nemico dell’ambiente o il furbetto”, mi rammarica. Mi rammarica in quanto in questa disordinata “corsa alle demolizioni”, non si è mai pensato alla necessità di trovare una soluzione politico/governativa e razionale che elabori un programma d’azione che contenga criteri, priorità e modalità tecniche di abbattimento e ripristino dei luoghi. Certamente non parlo di quelle case posizionate in zone a rischio idrogeologico e geomorfologico (Casteldaccia per intenderci) che vanno immediatamente abbattute con conseguente ripristino immediato dell’ambiente originario. Continuare a vestire i panni (come tale parte dell’opinione pubblica) dei paladini dell’ambiente e nemici dei furbi non ci condurrà ad attuare una programmazione degli interventi realistica ed implementabile. Abbattere ha dei costi, ripulire dagli sfabbricidi ne ha altri, in Sicilia  ci sono circa 6.600 ordinanze di demolizione (per non citare l’abnorme numero di manufatti non a regola) e  non ci sono i soldi per affrontare un programma del genere che va razionalizzato, e questo Legambiente lo sa. E tra incoerenza del Movimento 5 stelle e il silenzio della Lega, a parlare e metterci la faccia siamo sempre gli stessi. Va attuata una programmazione ma gli abbattimenti per le case che costituiscono un pericolo vanno attuati immediatamente. Non tutte le abitazioni sono in queste condizioni ed è per questo che deve essere elaborata una valutazione ambientale strategica e nelle more di acquisire tale  documento occorre sospendere le demolizioni, affinché la legge possa essere applicata nell’immediato verso quei manufatti che costituiscono una concreta minaccia per la sicurezza di chi vi abita e dell’ambiente.



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata