Notizie | Commenti | E-mail / 22:32
                    






Canicattì: in arrivo le cartelle per il pagamento della Tari……su case totalmente disabitate . I cittadini chiedono chiarimenti

Scritto da il 22 marzo 2019, alle 11:18 | archiviato in #Esclusiva, Canicattì, Cronaca. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

E’ l’argomento del momento, anche alla luce delle tante cartelle che stanno arrivando ai cittadini canicattinesi. Stiamo parlando della Tari, la tassa si rifiuti, per dirla in modo semplice. Alcuni cittadini si stanno vedendo recapitare cartelle ( degli anni scorsi) di pagamento del  tributo  anche riferito a immobili sfitti, non abitati e privi di arredi e relative forniture di acqua, gas e luce.
In molti ci hanno chiesto lumi se tale richiesta risulta essere legittima o meno, su come debbono comportarsi. Dobbiamo dire che anche noi dopo un’attenta ricerca, non siamo riusciti a capire da che parte stare.

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze,  nelle linee guida che ha fornito ai comuni nel 2013 sulla corretta applicazione della Tari (tassa sui rifiuti), ha sostenuto che non sono soggetti al pagamento le unità immobiliari che risultino essere privi di mobili e di allacci alle reti idriche e elettriche e che di fatto non vengono utilizzate. Dunque, secondo il ministero, gli immobili inutilizzati destinati ad abitazioni private o a attività commerciali e industriali non sarebbero state soggette al pagamento quanto meno della Tari
La tesi ministeriale si pone però in totale  contrasto sia con le pronunce della Cassazione che con l’interpretazione del legislatore (articolo 14, comma 3 del Decreto Legge 201/2011, convertito con modificazioni dalla Legge 22 dicembre 2011, n. 214, secondo cui “Il tributo è dovuto da chiunque possieda, occupi o detenga a qualsiasi titolo locali o aree scoperte, a qualsiasi uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti urbani), laddove prevede la tassazione di tutti gli immobili “suscettibili” di produrre rifiuti urbani, vale a dire oggettivamente utilizzabili, a prescindere dall’effettiva produzione dei rifiuti medesimi.

Detto questo e preso atto di questa asincronia legislativa, molti comuni non applicano La Tari su una seconda casa non abitata,  ma soltanto a precise condizioni:

La casa dovrà risultare totalmente  priva di arredi e priva di fornitura di acqua, gas e luce per il periodo di riferimento; solamente  in questo caso il Comune considererà l’abitazione oggettivamente  non occupata e di conseguenza , esonerata dal pagamento della tassa sui rifiuti. Nel caso in cui  uno dei seguenti elementi venisse meno la Tari sarà dovuta da parte del proprietario dell’immobile.

A Canicattì sembra prevalere la pronuncia della Cassazione. In molti lamentano questa decisione perché oltre a dovere pagare un servizio di cui non usufruiscono, sicuramente è uno di quegli aspetti che non fa certo bene al mercato immobiliare.  Qualora l’amministrazione o gli uffici preposti del comune volessero apportare chiarimenti o integrazioni a quanto da noi fin qui detto, la nostra testata e a loro disposizione



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



2 Risposte per “Canicattì: in arrivo le cartelle per il pagamento della Tari……su case totalmente disabitate . I cittadini chiedono chiarimenti”

  1. Il grillo parlarne ha detto:

    Gli impiegati mi hanno riferito che la tari si paga anche per gli immobili sfitti e senza allaccio di forniture! Mi sembra che il cittadino venga trattato da suddito e il buon senso abiti da tutt’ altra parte. Invito la testata ad adoperarsi contro questa pratica vessatoria!

  2. Attento ha detto:

    Grazie per il chiarimento, visto che si tratta di una interpretazione del Comune di Canicattì, che esistono altri Comuni che invece non applicano la Tari a immobili disabitati e senza utenze, si può reclamare la parità di trattamento con un semplice ricorso alla Commissione Tributaria di Ag depositando cartella ricevuta, una breve e semplice relazione sui fatti e consegnando un doppio Cd contenente i documenti presentati e pagando un diritto di segreteria con F24. Dopo alcuni mesi si riceve la decisione della commissione.

Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata