Notizie | Commenti | E-mail / 16:29
                    






Niente inglese e protocollo rigidissimo: Palermo accoglie il presidente Xi Jinping

Scritto da il 24 marzo 2019, alle 06:14 | archiviato in Politica, politica sicilia. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Vietato parlare inglese: ci penseranno due interpreti a fare le traduzioni durante la visita del presidente cinese Xi Jinping a Palermo. Il leader asiatico, accompagnato dalla moglie, è atterrato in Sicilia verso le 16 con il Boeing 747-89 L dell’Air China ed è stato accolto dal governatore Nello Musumeci.

Una pigna in ceramica di colore rosso rubino, simbolo di prosperità, realizzata dal maestro Nicolò Giuliano di Monreale, è l’omaggio del presidente della Regione siciliana al leader della Repubblica popolare cinese

Quindi il trasferimento nella Torre Pisana a Palazzo Reale. In totale nella stanza del presidente dell’Ars Gianfranco Miccichè sono previste 30 persone, 15 cinesi e 15 italiani, con the e caffè a disposizione. “C’è un protocollo rigido stabilito dai cinesi, mai vista una cosa simile”, dice Miccichè. In piazza del Parlamento ci sono delegati cinesi. L’omaggio della pupa Angelica “ha un grande valore simbolico spiegato in un testo in cinese”.

La visita di palazzo Reale è durata un’ora rispetto ai 37 minuti preannunciati. “E’ stata preziosa, questo palazzo sarebbe perfetto nella ‘Via della Seta”, ha commentato il leader cinese. La moglie Peng Liyuna è rimasta ammaliata dalla bellezza della Cappella Palatina: si è fatta fotografare più volte da un suo collaboratore accanto ai mosaici, staccandosi dalla delegazione che stava facendo il giro. La first lady è rimasta entusiasta del palazzo.

Uscendo poi fuori dai rigidi schemi del cerimoniale, alla fine del breve spettacolo dei pupi nella Torre Pisana il leader cinese e la moglie hanno abbracciato il piccolo Antonio Tancredi Cadili, 8 anni, che si è esibito lasciando di stucco i coniugi. Xi Jinping ha poi invitato il bambino in Cina, dove esiste una tradizione simile all’opera dei pupi.

“Rimane la possibilità per la Sicilia di avere un ruolo nella ‘Via della Seta’, ma di tutto questo non abbiamo parlato col presidente Xi perché il cerimoniale era molto rigoroso”, ha detto Musumeci alla fine della visita. “Intercettare la ‘Via della Seta’ significa avere infrastrutture – ha aggiunto Musumeci -: agli appuntamenti si arriva puntuali e preparandosi quindi dobbiamo subito sederci attorno a un tavolo col governo nazionale e capire cosa vogliamo fare della Sicilia nella ‘Via della Seta’ e organizzarci di conseguenza per individuare le priorità e investire su quelle”.



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata