Notizie | Commenti | E-mail / 06:53
                    






A Palermo nasce la scuola di formazione politica della Lega in Sicilia

Scritto da il 11 aprile 2019, alle 06:24 | archiviato in Politica, politica sicilia. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Nasce a Palermo la prima scuola di formazione politica della Lega in Sicilia. A tagliare il nastro, questa mattina (martedì 9 aprile) il senatore Stefano Candiani, commissario della Lega nell’Isola, insieme ai responsabili regionali enti locali, Igor Gelarda e Fabio Cantarella, e Giovanni Callea, ideatore e direttore della scuola. 

“Con la scuola di formazione politica  – dice Candiani – vogliamo proporre alla Sicilia e ai siciliani il nostro modello di amministrazione e gestione delle istituzioni, sperimentato, con riscontri più che positivi in molti territori. L’obiettivo è quello di far conoscere come funziona il sistema politico amministrativo ed economico ai futuri amministratori, attraverso il racconto e l’esperienza di professionisti. La Sicilia ha grandi potenzialità che devono però essere tirate fuori e valorizzate da una classe dirigente preparata, in alternativa all’attuale sistema farraginoso che governa la regione da decenni. Spetterà adesso ai cittadini siciliani – conclude Candiani – l’onore e l’onere di farsi carico del lavoro di amministratori e contribuire al rilancio della Sicilia”. 

Ad esprimere soddisfazione per l’iniziativa, ricordando che i corsi della nuova scuola politica partiranno ad ottobre 2019 e si concluderanno a maggio 2020, è Igor Gelarda, capogruppo della Lega in consiglio comunale a Palermo: “É un giorno importante per la crescita della Lega in Sicilia e il fatto che Palermo si stata scelta come sede regionale della scuola di formazione mi riempie di orgoglio e premia il nostro impegno quotidiano sul territorio. Saremo il punto di riferimento delle classi dirigenti leghiste dell’Isola – aggiunge Gelarda – quelle che garantiranno lo sviluppo della nostra bellissima terra, da contrapporre all’inefficienza di decenni di classi politiche siciliane che hanno, spesso, incrementato clientelismi e malcostumi tutt’ora duri a morire. Oggi a Palermo piantiamo il seme di un nuovo modo di concepire la politica al servizio dei cittadini – conclude Gelarda – e i siciliani saranno al nostro fianco”.

“La mia presenza oggi a Palermo – ha aggiunto Fabio Cantarella, assessore al comune di Catania – è la testimonianza che la scuola di politica è un progetto che interessa tutta l’Isola e rappresenta il percorso virtuoso di costruzione della classe dirigente in Sicilia. Abbiamo bisogno di selezionare e mettere a fuoco le competenze per restituire valore al merito”. 



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



1 Risposta per “A Palermo nasce la scuola di formazione politica della Lega in Sicilia”

  1. Maiconsalvini ha detto:

    Prima lezione: come rubare 49 milione dalle tasche dei cittadini italiani e farla franca;

    Seconda lezione: come buttare fango sul meridione e poi per prendere voti scaricare tutte le colpe sugli extracomunitari;

    Terza lezione: come buttare fango sul sindaco di Riace Mimmo Lucano e su Ilaria Cucchi e poi non chiedere nemmeno scusa ;

    Quarta lezione: come fregare i 5 stelle facendo leva sulle loro incapacità e farsi salvare il didietro ricorrendo all’immunità.

    Quinta lezione: come far credere ai siciliani che importa veramente di loro e della loro terra dopo averli chiamati scansafatiche e “tifare” per l’Etna.

    Il tempo è galantuomo e capirete troppo tardi chi è veramente salveenee

Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata