Notizie | Commenti | E-mail / 13:23
                    






Intimidazione al Procuratore di Agrigento Patronaggio: la dura condanna della società civile

Scritto da il 11 giugno 2019, alle 07:10 | archiviato in Agrigento, Costume e società, Cronaca, IN EVIDENZA, Photo Gallery. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Ancora minacce all’indirizzo del procuratore di Agrigento Luigi Patronaggio. Una busta contenente un proiettile calibro 6.35 nascosto tra due bustine (forse di zucchero) per passare i controlli al metal detector, con minacce di morte anche rivolte ai figli del capo della Procura, è stata recapitata al Palazzo di Giustizia di via Mazzini.

“Questo è un avvertimento, la prossima volta, se continuerai a fare sbarcare gli immigrati, passiamo ai fatti. Contro di te e ai tuoi 3 figli”.  Questo il contenuto della lettera di minacce contro il procuratore Patronaggio.

Aperto un fascicolo d’inchiesta coordinato dalla Procura della Repubblica di Caltanissetta. Patronaggio è già stato bersaglio di simili minacce dopo l’inchiesta sul caso Diciotti.

A seguito delle minacce rivolte al Procuratore Luigi Patronaggio, nel pomeriggio di oggi si è svolto un incontro urgente in Prefettura del comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica, convocato dal  prefetto Dario Caputo, al quale hanno partecipato Carabinieri, Polizia e Guardia di Finanza.

“Il Procuratore è sereno, durante la riunione era lui che ci dava sostegno, perché dal suo punto di vista è ovvio che non sarà spostata la linea d’azione di un ufficio come il suo che ha come obiettivo di perseguire i fini della legge, ha dichiarato il Prefetto Caputo. L’attenzione non e’ mai mancata da parte delle forze dell’ordine, ma i meccanismi che sono gia’ in atto verranno aumentati”, ha concluso il prefetto Caputo.

L’intervista al Prefetto Caputo

https://youtu.be/kneUz0jojxA

“Il tentativo di intimidazione al procuratore Patronaggio,

destinatario oggi di una busta con un proiettile, certifica la qualità

e l’efficacia del lavoro che sta svolgendo la Procura di Agrigento

sulla questione migranti e sbarchi.

Al procuratore, che ascolteremo nei prossimi giorni in Commissione

antimafia, va tutta la nostra solidarietà e la nostra attenzione”.

Lo dichiara Claudio Fava, Presidente della Commissione antimafia siciliana.

Esprimo piena e sentita solidarietà al Procuratore della Repubblica di Agrigento, Dott. Luigi Patronaggio, per le inaccettabili minacce cui è stato oggetto, rese, se possibile, ancora più odiose ed intollerabili dalla circostanza che sono state rivolte anche nei confronti dei suoi figli.

Il contenuto della missiva con cui è stato realizzato tale ignobile gesto, reso noto dalla stampa, evidenzia come  il clima di odio, di intolleranza, di dileggio nei confronti delle Istituzioni, veicolato attraverso i mezzi di comunicazione e, sopratutto, attraverso i social networks, che avvelena e decompone ogni giorno di più i gangli che tengono insieme il nostro Paese, debba essere contrastato con forza e determinazione.
Sono certo che il Dott. Patronaggio continuerà ad esercitare le sue funzioni con serenità e abnegazione, nel nome della Carta Costituzionale e delle Leggi Repubblicane.
Il Presidente del Consiglio Comunale di Canicattì

Avv. Alberto Tedesco

l gruppo parlamentare del Movimento 5 Stelle all’Ars esprime solidarietà al procuratore capo di Agrigento Luigi Patronaggio per l’atto intimidatorio subito. “Al dottor Patronaggio – dicono i portavoce M5S Ars – giunga il nostro sincero incoraggiamento. Non sarà un atto vile a scalfire il lavoro e il valore degli uomini dello Stato”.  

Dichiarazione del sindaco di Naro On. Maria Grazia Brandara: 
“Solidarietà al Procuratore Capo della Repubblica di Agrigento Dott. Luigi Patronaggio dopo l’ennesima intimidazione.
Comprendo bene in questi casi come ci si sente.
Il lavoro del Procuratore è encomiabile e rispettabile. Particolarmente attento ai problemi della sua terra e vicino ai cittadini e ai loro rappresentati da sempre.

Il dott. Luigi Patronaggio è cittadino onorario di Naro, la solidarietà, oltre ad essere quella personale, è anche in rappresentanza dell’intera comunità narese dove le affondano le sue radici.”

“Il sindaco di Agrigento Lillo Firetto con la sua Giunta esprime solidarietà al procuratore capo Luigi Patronaggio, certo che le vili minacce possano avere l’unico effetto di rafforzare la magistratura nella lotta costante alla criminalità e di stringere attorno ai giudici , la città, per sostenerli nella lotta alla criminalità e nella tutela dei diritti. Firetto confida che le indagini possano al più presto individuare e assicurare alla giustizia l’autore o gli autori delle vigliacche intimidazioni”.

Caro Procuratore,

abbiamo letto di nuove minacce che sono giunte alla Sua Persona ed ai Suo Familiari: vogliamo esprimerLe, ancora una volta, la nostra totale ed incondizionata solidarietà.

ConoscendoLa sappiamo che non saranno certo queste manifestazioni a rallentare il Suo lavoro, ma questi sono momenti nei quali è giusto far sapere a Lei, alla Procura che dirige ed anche a chi pensa di fermarLa che Lei non è solo, che in questa opera per affermare il diritto e le regole in questa provincia, ha dalla sua parte la stragrande maggioranza dei Cittadini onesti che guardano con ammirazione vera al Vostro lavoro.

Viviamo tempi difficili nei quali sembra mancare serenità di giudizio e tutte le posizioni diventano caricature, si alimenta ad arte una contrapposizione sul tema e sulla pelle dei migranti, confondendo la necessaria, civile ed umana esigenza del salvataggio col tema più generale dell’accoglienza.

Ella, per essersi limitato al rispetto della Legge, viene arruolato di peso nell’esercito dei “buonisti” che finiscono con l’agevolare l’immigrazione clandestina. Tali accuse oltre che ridicole e pretestuose nei suoi confronti, lo sono anche rispetto a chi si batte affinché si possa “restare umani” ed affrontare un tema gigantesco come questo con la razionalità e l’umanità che servono.

Nessuna pietà verso chi infrange la Legge, verso chi fa mercimonio di vite umane e nessuno può onestamente indicare questa Procura come leggera verso il fenomeno.

Vada avanti con il solito coraggio e la solita determinazione, Caro Procuratore, ha tutto il nostro sostegno e la nostra fraterna vicinanza!

Il Segretario Generale

Massimo Raso

Il sindaco di Canicattì, Ettore Di Ventura, insieme agli assessori della Giunta Municipale, esprimono ferma condanna verso il vile atto intimidatorio perpetrato ai danni del procuratore capo di Agrigento Luigi Patronaggio.
“Manifestiamo la nostra piena solidarietà – dichiara il sindaco Di Ventura – nei confronti del procuratore Patronaggio ancora una volta oggetto di minacce. Ci duole constatare che, in questa nostra provincia, fare il proprio dovere di magistrato e/o di amministratore che prende posizioni ben definite procedendo secondo la legge diventi, per qualcuno, motivo di attacco diretto e inequivocabile. Ci schieriamo apertamente a fianco del dr. Patronaggio e, nella speranza che venga fatta chiarezza al più presto, lo esortiamo a tirare dritto per la sua strada consapevoli che non c’è altra risposta a questi esecrabili avvertimenti”.



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata