Notizie | Commenti | E-mail / 00:38
                    






La ex si presenta per sancire la fine: la picchia, evade, la insegue e la tampona

Scritto da il 20 giugno 2019, alle 06:26 | archiviato in Costume e società, Cronaca, cronaca sicilia, Photo Gallery. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

 Avrebbe ben potuto sfociare nell’ennesima tragedia la violenta lite interrotta nella serata di ieri a Catania dall’intervento della polizia in una via della periferia ovest. A finire in manette per evasione dalla detenzione domiciliare, lesioni personali, violenza privata e danneggiamento un pregiudicato catanese di 24 anni, V. A. M..

La scena che si è presentata alla vista dei poliziotti comprendeva un’auto col parabrezza completamente rotto e il paraurti anteriore danneggiato; poco distante, all’interno di un garage, un uomo a terra, V. A. M. che lamentava forti dolori al fianco.

Accanto alla vettura una donna che ha raccontato agli agenti la sua lunga storia fatta di violenze e vessazioni, subite dall’inizio della storia sentimentale con V. A. M., una serie di soprusi che l’avevano indotta a troncare quel legame malato.

Quella sera era andata in compagnia di un amico nella casa dell’ormai ex compagno per definire una volta per tutte la fine della relazione e per riprendere alcuni oggetti personali; dalle parole si è presto passati a una violenta lite, durante la quale la donna è stata presa a schiaffi e spintonata.

Fuggita dall’appartamento è salita a bordo della sua auto ma, appena in marcia, si è accorta di essere inseguita dal suo ex che incurante del suo stato detentivo ha inforcato uno scooter e si è lanciato dietro di lei urlandole minacce.

La corsa si è conclusa con una collisione tra i due veicoli in cui lo scooterista ha avuto la peggio; non pago, però, l’uomo è balzato sul cofano dell’auto, frantumandone a calci il parabrezza. La vettura è riuscita a riprendere la marcia per pochi metri, venendo raggiunta dall’uomo che, in preda alla furia, è anche riuscito ad aprire lo sportello.

Finito l’effetto della rabbia, i dolori dell’incidente hanno avuto il sopravvento e hanno costretto a terra V. A. M., che ha fatto rientro nel suo garage nel tentativo di sottrarsi all’arresto per evasione. Arresto che, invece, i poliziotti hanno eseguito immediatamente.

 



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata