Notizie | Commenti | E-mail / 12:21
                    






Licata, conosciuti come padre e figlia ma era un rapimento: condannato a 6 anni

Scritto da il 11 luglio 2019, alle 06:56 | archiviato in Costume e società, Cronaca, Licata, Photo Gallery. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Il Tribunale di Friburgo ha condannato alla pena di sei anni di reclusione un uomo di 58 anni, Bernhard Manfred Haase, per aver rapito una ragazzina di 13 anni (all’epoca) Maria Henselmann e aver trascorso con lei quasi cinque anni a Licata dove la comunità li aveva conosciuto come padre e figlia.

La storia ha dell’incredibile ed è stata portata alla luce dalla trasmissione televisiva “Chi l’ha visto”.  Siamo a Licata, paese alle porte dell’agrigentino, e protagonisti di questa vicenda sono Maria, ragazzina di poco più di 13 anni (all’epoca), e Bernard, 58enne. Entrambi vengono dalla Germania e fanno tappa a Licata dove, almeno inizialmente, vivono in una tenda e campano di offerte lasciate ogni tanto dai passanti. In paese li conoscevano come padre e figlia, anche per l’evidente differenza di età. Mai un sospetto, mai un comportamento sopra le righe.Anzi, proprio per il loro sapersi voler far bene sono fin da subito sono stati adottati dalla comunità licatese: prima con le solite offerte consistenti in denaro ma anche in generi alimentari, vestiti e quant’altro. Successivamente, non avendo più un posto in cui vivere, una generosa signora del posto donò loro temporaneamente una casa.  Maria e Bernard erano ben voluti: la prima ha addirittura festeggiato un “finto” diciottesimo compleanno ospite di una associazione di volontariato; lui si rendeva disponibile, e veniva anche retribuito, ad effettuare piccoli lavoretti per la gente del posto. Ma era soltanto una apparente messinscena alimentata da un vortice di bugie.Maria, siamo nell’aprile 2018, non ha ancora diciotto anni e risulta essere scomparsa da Amburgo nel 2013. Lui, Bernard, ha 54 anni, è stato un esponente politico di estrema destra e anche tesoriere del partito ed è latitante da 5 anni. E’ accusato di sottrazione di minore e violenza sessuale.  I due si conoscono in chat dove Bernard, sposato, entra in contatto con Maria che allora ha 13 anni. I due si vedono, si sentono e – come emerge dalle indagini – frequentano hotel in città. Ma vengono scoperti. La moglie di Bernard denuncia il marito alla polizia mentre la famiglia di Maria fa di tutto per interrompere la relazione.

Fino a quando, siamo nel 2013, la ragazza sparisce. La madre ha lanciato in passato anche appelli a “Chi l’ha visto” sospettando che si potesse trovare in Italia. La polizia, lo scorso 30 agosto, li trova ancora a Licata. La bambina, ormai divenuta maggiorenne, è tornata a casa. Bernard è stato arrestato.

 



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata