Notizie | Commenti | E-mail / 00:17
                    








Criptovalute, impariamo a conoscerle e a usarle

Scritto da il 17 luglio 2019, alle 00:49 | archiviato in Economia. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Si sente parlare insistentemente di criptovalute, di investimenti sulle stesse, e, del loro utilizzo come moneta corrente, ma cosa sono?
Siamo investiti quotidianamente di termini tecnici ed economici che ingenerano confusione, spieghiamo cosa è la criptovaluta e la differenza con la moneta tradizionale: la moneta tradizionale ha come garante uno stato (o più come per l’Euro), delle contropartite in beni come oro e/o garanzie da istituti di credito. La criptovaluta invece è una moneta digitale e virtuale le cui transizioni vengono garantiti da algoritmi e codici segreti, utilizzano un sistema distribuito, ovvero milioni di computer ne certificano l’esistenza dandone valore attraverso un sistema (blockchain) che non può essere modificato pena il “crollo” della garanzia sui dati, quindi a prova di attacco hacker.
La prima criptovaluta è stato lanciata nel gennaio 2009, oggi esistono oltre 1000 criptovalute, è possibile acquistarle e venderle come qualsiasi altro bene.
Le criptovalute più conosciute sono Bitcoin, Ripple e Litecoin.
Il valore di 1 Bitcoin è di circa 8500 € esistono, ad oggi, 17 821 675 Bitcoin che insieme valgono 152 834 916 503 Euro, mentre
1 Ripple vale circa 26 centesimi di euro e vi sono 42 566 596 173 Ripple che valgono 11 366 890 706 Euro, 1 Litecoin vale circa 71 euro per un totale di 62 694 712 Litecoin che valgono 4 502 420 904 Euro.
Ma come utilizzarle ?
I modi sono tanti, dagli acquisti online a negozi che accettano i pagamenti anche in criptovaluta, ma per meglio gestire pagamenti, acquisti e investimenti, esistono dei servizi dedicati come  Bitvavo, dove c’è la possibilità di gestire circa 50 valute digitali per acquistare, vendere, depositare e prelevare valuta digitale in modo semplice e sicuro, guidati da una interfaccia utente semplice ed esaustiva che soddisfa sia il neofita che il trader esperto. Per semplificare, si tratta di uno “sportello unico” dove è possibile negoziare, prelevare, depositare e conservare la valuta digitale.
Anche i colossi del web stanno per entrare nel mondo delle valute digitali, come Libra per Facebook, Amazon e Google, come spiegato su Repubblica: ” Il lancio di una valuta virtuale da parte di Facebook, per quanto ben diversa dalle criptovalute più famose come il Bitcoin, ha evidenti riflessi in tutto il mondo delle monete digitali… …Il Bitcoin ha raggiunto 11.251,21 dollari, superando quota 10.000 dollari per la prima volta da marzo dello scorso anno. Dall’inizio dell’anno, il Bitcoin ha messo insieme un guadagno del 170%.”.

Tiziano Tridico, esperto italiano di criptovalute, alla domanda su quanto tempo passerà prima che le criptovalute sostituiranno il contante e le valute convenzionali, risponde:”Non è detto che questo avvenga del tutto in una data, quindi non so se avverrà mai. È più probabile che ci sia una fase in cui convivranno insieme le due cose. Il contante non andrà del tutto a sparire, non sarà una cosa definitiva. C’è un’evoluzione da parte del contante, già lo stiamo vedendo con gli stablecoin, che possno essere visti come una nuova forma di contante. Quanto dovremo aspettare per vederlo più diffuso? Almeno una decina di anni. Non tanto perché la tecnologia non c’è, la tecnologia arriverà molto prima di quella che sarà invece l’apprensione delle persone, che invece avranno bisogno del loro tempo per capire questo sistema che sta arrivando.”



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata