Notizie | Commenti | E-mail / 20:39
                    








Esclusione dalla graduatoria Allievi agenti della Polizia di Stato: accolto ricorso di due agrigentini

Scritto da il 18 luglio 2019, alle 06:52 | archiviato in Agrigento, Cronaca, Photo Gallery. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

La prima sezione quater del TAR del Lazio ha accolto l’istanza cautelare presentata da due aspiranti allievi agenti della Polizia di Stato agrigentini che, difesi dagli avvocati Vincenzo Caponnetto, Michele Melfa e Alfonso Neri, avevano presentato ricorso contro l’esclusione dalla graduatoria del concorso per l’assunzione di 1.148 Allievi Agenti.

In particolare, i giudici amministrativi hanno ammesso con riserva i due ricorrenti alle prove di accertamento dei requisiti di cui all’art. 6, comma 1, lett. c), del d.P.R. n. 335/1982.

I due aspiranti agenti potranno così essere ammessi a continuare il percorso concorsuale fin quando il TAR non si pronuncerà nel merito della vicenda.

I ricorrenti sono infatti coloro che, alla data di pubblicazione del bando rientravano nei requisiti fissati dallo stesso in ordine ai limiti d’età e che si sono visti escludere dallo scorrimento della graduatoria poiché solo successivamente all’uscita del bando venivano cambiati i titoli necessari per accedere alla carriera di Agente di Polizia di Stato.

Con l’approvazione dei nuovi requisiti, che ha previsto come condizioni necessarie per la partecipazione ai relativi concorsi diversi requisiti rispetto a quelli originariamente fissati dal bando del 2017, sono pertanto stati esclusi numerosi “over 26” che, seppur avendo superato le prove di selezione sono stati ingiustamente estromessi dalla graduatoria.

Gli avvocati Caponnetto, Melfa e Neri hanno specificato, nel ricorso, che “il successivo scorrimento di una graduatoria di idonei si configura infatti come un segmento di un’unica procedura di concorso, avviata con l’originaria pubblicazione del bando, con la conseguenza che i requisiti di partecipazione, attesa l’unicità e l’inscindibilità del procedimento selettivo, non possono che essere quelli fissati dal bando stesso”.

Tesi, quest’ultima, accolta dal TAR Lazio che ha così ammesso, con riserva, i due agrigentini che potranno così continuare il percorso concorsuale fino alla decisione di merito prevista per il prossimo 12 maggio 2020.



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata