Notizie | Commenti | E-mail / 10:52
                    






I costruttori siciliani contro il governo, ‘No al Progetto Italia, i general contractor prendono i soldi ma non fanno le opere’

Scritto da il 24 luglio 2019, alle 06:02 | archiviato in Economia, Politica, politica sicilia. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

“In Sicilia, come chiunque – se vuole – può notare, non c’è un solo General contractor che non abbia monopolizzato i lavori pubblici prendendo i soldi senza finire le opere e lasciando sul campo centinaia di milioni di euro di debiti non pagati, migliaia di lavoratori licenziati e centinaia di piccole imprese sul lastrico. Sono carrozzoni che hanno abolito dal mercato delle opere pubbliche principi come libera concorrenza, correttezza, trasparenza e rispetto delle regole”.

E’ il grido d’allarme di Santo Cutrone, presidente di Ance Sicilia, al governo nazionale che sta ora pressando per riunire i General contractor in crisi in un unico soggetto, “Progetto Italia Spa”, finanziato dalla Cassa depositi e prestiti a suon di centinaia di milioni di euro.
“Questa scelta – incalza Cutrone – come evidenzia oggi Ance nazionale, è una soluzione di tipo oligarchico che salva con fondi pubblici pochi soggetti privilegiati e coccolati dalla politica. Non è una soluzione di sistema, non coinvolge le piccole e medie imprese che sono l’ossatura di tutto il settore nazionale delle costruzioni, non risolve il problema della crisi del settore edile e lascia, con un misero ‘Fondo salva imprese’, le briciole alle migliaia di piccoli e medi creditori dei General contractor, buona parte dei quali si trova in Sicilia. Sono questi i veri componenti del tessuto imprenditoriale edile, ma non potranno uscire dalla crisi né c’è qualcuno nelle istituzioni e nella politica che si sta preoccupando di loro”.

“Partiti e movimenti che si professano impegnati solo per il bene del Paese – conclude Cutrone – non possono poi scivolare su queste operazioni di mero potere lobbistico contro il principio della libera concorrenza e solo a favore di pochissimi, e fingere di non sapere che a pagarne il prezzo sarà tutto il resto del settore portante della nostra economia. A nessuno di loro viene il sospetto che prima o poi ne dovranno rendere conto?”.



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata