Notizie | Commenti | E-mail / 12:33
                    






Canicattì: che il tentativo (fin qui solo tentativo) di tornare alla normalità non diventi supponenza….

Scritto da il 30 luglio 2019, alle 08:45 | archiviato in #Esclusiva, Canicattì, Cronaca. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Non vorremmo pensare la inefficienza fin qui dimostrata oggi si trasformi in supponenza a colpi di hashtag #solofatti. Non è che il diserbamento di qualche quartiere e la pulizia di qualche contrada vi deve convincere che chissà cosa avete fatto. Perché vendere una parvenza di normalità per super poteri ci sembra un po’ una mancanza di rispetto nei confronti di quanto hanno fin qui dovuto sopportare i cittadini . L’unico hashtag che andrebbe usato dovrebbe semmai essere riferito a chi prima di voi era stato spacciato come tecnico e magari un maggiore impegno da parte del neo assessore sta dando qualche risultato in più .

Qualche risultato, solo qualche risultato , perché il paese non è solo Rinazzi e le vie principali, e come testimoniano le foto a corredo di questo articolo  è molta la strada da fare e le cose da farsi perdonare. Citiamo alcuni luoghi a cui si riferiscono le foto. Contrada Gulfi continua a essere una discarica a cielo aperto anche con presenza di amianto, contrada Pidocchio idem con patate con strade oramai al limite della percorribilità, Borgalino non ha bisogno di commenti perché lo si vede ampiamente in che condizioni versa, alcune vie come quelle adiacenti al supermercato “il centesimo” sono delle vere discariche a cielo aperto. Insomma un po’ più di modestia e meno arroganza. Potreste ad esempio con l’iniziare a chiedere scusa per come è stato ridotto questo paese fin qui .

Largo Aosta continua a essere il suk abusivo della città. Per non parlare degli sbandierati controlli al singolo domicilio da parte dei vigili urbani per accertarsi che si abbiano i mastelli. Lo gridiamo da quando è partita la differenziata , lo abbiamo gridato nel consiglio comunale aperto, ne abbiamo  parlato nelle tante dirette fatte, abbiamo  fatto notare l’irregolarità nel mandare i vigili senza alcuna protezione a cercare tra la monnezza prove indiziarie, oggi sbandierate questa azione come chi ha inventato la penicillina. Avete tre anni di inefficienze da farvi perdonare, siate gentili, non crediate che la città sia cambiata. Noi un hashtag velo vorremmo suggerire ed è questo: #perdonateciperquellocheavetedovutosopportarefino con la speranza  ( e non la supponenza)che domani sia migliore.



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



1 Risposta per “Canicattì: che il tentativo (fin qui solo tentativo) di tornare alla normalità non diventi supponenza….”

  1. Graziella ha detto:

    E come tutti gli anni torno a casa per trascorrere qualche giorno nella mia terra che tanto amo… arrivo in auto dopo aver attraversato una Italia intera, raccontando alla mia bambina di 4 anni che in Sicilia è passato Minosse, che Eolo vi ha custodito i venti, che i Ciclopi vi abitavano da sempre, che Enea dopo la caduta di Troia l’attraversò e prima di lui… anche Ulisse… vedevo i suoi occhi brillare insieme ai miei… Le ho detto anche che a Canicattì il sole è brillante, che il vento non spinge ma accarezza, che le persone parlano tra loro anche dai balconi… che ci si saluta anche se non ci conosce… così per educazione! Poi giriamo la curva… una montagna di spazzatura ha spazzato via ogni emozione e impedito ogni parola. L’unica cosa che posso dire è che Canicattì è terribile, i topi sguazzano nel lerciume accanto alle abitazioni, la puzza inonda le case e travolge ogni cosa… sono triste e amareggiata … questa non è casa mia, non è la mia città… che succede? I difetti della nostra amministrazione li conosciamo da sempre… ma l’orgoglio canicattinese esiste ancora? O anche quello è una leggenda che invade i miei ricordi…Vi prego intervenite o fate in modo che la popolazione vi aiuti a riportare questa città al suo splendore originario.

Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata