Notizie | Commenti | E-mail / 10:52
                    






Attesa per la schiusa delle uova caretta caretta

Scritto da il 18 agosto 2019, alle 06:36 | archiviato in Agrigento, Cronaca. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Anche quest’anno, a Sciacca, il WWF Sicilia Area Mediterranea custodisce i siti dove due mamme tartarughe hanno deciso di deporre le loro uova, sempre in località San Marco.Le schiuse sono previste per fine agosto e fine settembre, periodo in cui avverrà anche un costante monitoraggio dei nidi, che anticiperà la nascita di centinaia di tartarughine e il loro cammino verso il mare. La messa in sicurezza dei nidi è stata possibile grazie a cittadini, che hanno avvisato il WWF locale della loro presenza. Per questo il WWF Sicilia Area Mediterranea ha consegnato due attestati di ringraziamento, il primo a Calogero Bono, l’operatore del mezzo meccanico di pulizia della spiaggia che ha eseguito una pronta manovra d’inversione alla vista delle tracce di Caretta caretta, salvando le uova da una triste fine; il secondo a Stefano Biazzi, un turista torinese, che ha riconosciuto le impronte di tartaruga sulla sabbia e ha avvertito i volontari dell’associazione, che sono subito intervenuti e hanno recintato l’area dei nidi.
Purtroppo, nei giorni scorsi, i volontari del progetto europeo per la salvaguardia delle tartarughe Euroturtles, si sono accorti di alcuni danni a uno dei due recinti, dove erano state tolte le fascette utilizzate per la realizzazione del recinto, danni che sono stati subito ripristinati. Le tartarughe marine sono una specie protetta e i loro siti di nidificazione un bene pubblico, che viene preservato dalla normativa europea e da quella italiana. Chi produce azioni offensive nei confronti della Caretta caretta, infatti, può essere punito con una sanzione amministrativa fino a 3098 euro, con l’arresto da 1 a 6 mesi o con l’ammenda fino a 4mila euro.

I nidi di caretta sono siti davvero delicati, per questo si chiede ai turisti una particolare cautela e attenzione ogni volta che si incontrano sulle spiagge. Se si avvistano poi tartarughe marine che si stanno avvicinando alle spiagge, queste non si devono disturbare, perché con tutta probabilità si tratta di femmine che stanno per deporre, ma si deve avvisare subito il WWF della zona. Questo per evitare che questi rettili marini tornino in mare spaventati, rinunciando a deporre.

 



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio

Commenti recenti


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata