Notizie | Commenti | E-mail / 12:34
                    






Licata, sequestrati 247kg marijuana: in manette una coppia

Scritto da il 12 settembre 2019, alle 12:42 | archiviato in Cronaca, Licata, Photo Gallery. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Maxi sequestro di marijuana da parte dei poliziotti della Squadra Mobile di Agrigento e del Commissariato di Licata che hanno effettuato un blitz in un terreno del paese rinvenendo ben 250 piantine di marijuana per un peso totale di 247kg. In manette finisce una coppia di Licata: B.F., operaio di 43 anni e la moglie C.A., casalinga di 36 anni. Per loro l’accusa è coltivazione di sostanza stupefacente aggravato dall’ingente quantitativo.

In particolare, gli uomini della Squadra Mobile di Agrigento, diretti da Giovanni Minardi, e del Commissariato di P.S. di Licata, diretti da Sergio Carrubba, nell’ambito di una specifica attività volta al contrasto del fenomeno del traffico di sostanze stupefacenti, dopo accurate e riservate indagini individuavano, nelle campagne licatesi, all’interno di un terreno di vaste dimensioni nel quale ricade l’unità abitativa ove i coniugi risiedono, nascosti tra alberi di ulivo e da frutta, una estesa piantagione di marijuana.Nel corso della perquisizione, all’interno di quattro tunnel si rinvenivano circa 250 piante adulte, in piena fioritura, della specie botanica Cannabis Indica, di altezza varia tra m.1 e m.1,50, per un peso complessivo di Kg. 247. La perquisizione, estesa anche all’unità abitativa, consentiva, inoltre, il rinvenimento di due scatole metalliche, custodite all’interno del garage, contenenti  circa  80 grammi di sostanza stupefacente del tipo cannabis. I due coniugi venivano quindi posti in stato di arresto per il reato di coltivazione di sostanza stupefacente, aggravato dall’ingente quantitativo, ed accompagnati pressi gli uffici del Commissariato di Licata per gli adempimenti di rito ultimati i quali, come disposto dalla Procura della Repubblica di Agrigento, venivano accompagnati presso il loro domicilio per ivi permanere in regime di arresti domiciliari.

 



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata