Notizie | Commenti | E-mail / 05:57
                    








Capolarato a Campobello di Licata, la Flai Sicilia: “la legge funzione, ma la prevenzione non decolla”

Scritto da il 8 novembre 2019, alle 07:06 | archiviato in Campobello Di Licata, Cronaca, Licata, Naro, Photo Gallery. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

Un plauso alla magistratura e alle forze dell’ordine per l’operazione che ha portato a 7 fermi tra Agrigento, Campobello di Licata e Naro nei confronti dei componenti di una presunta organizzazione criminale che, secondo i reati ipotizzati, faceva arrivare lavoratori dell’Est per sfruttarli nelle campagne, viene dalla Flai Cgil della Sicilia di Agrigento.

Da un lato – dicono Tonino Russo, segretario generale della Flai regionale e Giuseppe Di Franco, segretario della Flai di Agrigento – c’e’ la conferma che la legge 199 del 2016, per il contrasto al caporalato, sta dando i suoi frutti sul fronte della repressione. Dall’altro pero’ che il fenomeno e’ vivo e vegeto e questo anche perche’ la prevenzione di fatto non decolla”.

I due esponenti sindacali chiedono dunque “l’immediata istituzione di un tavolo presso la regione siciliana per affrontare il tema della piena attuazione della legge contro il caporalato, che prevede strumenti utili appunto per la prevenzione dello sfruttamento del lavoro in agricoltura”. 
La Flai chiede, in particolare, che “si istituisca la rete rettitoriale del lavoro agricolo di qualita’, dando visibilita’ e valore alle aziende sane, che subiscono peraltro la concorrenza sleale di quelle che operano al di fuori della legalita'”. Russo e Di Franco sottolineano inoltre “la necessita’ del collocamento pubblico in agricoltura e di una gestione pubblica dei trasporti destinati ai lavoratori, in accordo eventualmente con gli enti bilaterali”. “Come sta accadendo ora ad Agrigento – rilevano i due sindacalisti – occorre anche aprire dei tavoli nelle Prefetture per monitorare la corretta applicazione delle norme di contrasto allo sfruttamento del lavoro. Si tratta infatti di fenomeni di gravita’ inaudita che peraltro incidono negativamente oltre che sui diritti i chi lavora sul corretto sviluppo del settore agricolo”.

 



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



4 Risposte per “Capolarato a Campobello di Licata, la Flai Sicilia: “la legge funzione, ma la prevenzione non decolla””

  1. Lo Curto Giuseppe ha detto:

    Per accettare cose del genere, vuol dire che più disperati di loro, non c’è nessuno.
    O, scappano da qualcosa o da qualcuno.
    Largo Aosta, Canicattì.
    Dalle ore 3 di notte alle ore 7 del mattino.
    Solo chi non vuole lavorare, non lavora.
    E c’è anche chi dorme in qualche giardinetto per terra.

  2. Lo Curto Giuseppe ha detto:

    In Germania ho lavorato in una Fabbrica per 3 mesi. Hanau am main. Ma andate a ……….. Voi, e chi vi ha inventato.
    Ma questo discorso uno lo può fare soltanto quando è libero. Come ti scrivono sulla carta di identità.

  3. Lo Curto Giuseppe ha detto:

    Chi non cala la Domenica, non sale il Lunedì.
    Eravamo da queste parti a spampinari.
    Finché sei un giovine ragazzo che si vuol mettere le 30 mila lire in tasca.
    Andiamoci a fare la scampagnata.

  4. Lo Curto Giuseppe ha detto:

    Oggi in provincia di Canicattì, vigna, sento molte lamentele sui nuovi padroncini.
    Perché ?
    Perché non hanno mai conosciuto la campagna.

Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata