Notizie | Commenti | E-mail / 06:14
                    








Raggiravano persone on-line, gente truffata in aula: “Volevano acconto e sparivano”

Scritto da il 17 novembre 2019, alle 06:40 | archiviato in Costume e società, Cronaca, Licata, Photo Gallery. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

C’è il pensionato di Cammarata, il lavoratore di Petralia Sottana e perfino l’anziana di Agrigento. Sono soltanto tre degli oltre trenta truffati caduti nel raggiro di una “banda” di soggetti, tutti originari di Licata, finiti a processo in seguito all’operazione Pacchi.it, eseguita dai carabinieri del Comando Provinciale di Agrigento e della Compagnia di Licata nel 2016, che avrebbe portato alla luce una raffica di truffe messe a segno su un noto portale online di vendite.

Dopo alcuni rinvii il processo è entrato nel vivo del dibattimento questa mattina con le audizioni delle prime “vittime” delle truffe: il modus operandi era sempre lo stesso. Mettevano annunci perlopiù di mezzi di trasporto online con un prezzo accattivante e, quando le vittime abboccavano, si chiedeva loro un immediato anticipo di piccole somme: dalle 60€, come raccontato in aula dal primo testimone, fino a 700€ versate in tre tranche da una sfortunata anziana che, come ha riferito, ha atteso cinque ore ad un fantomatico appuntamento fissato per avere il mezzo acquistato. Ovviamente a quell’incontro, così come in tutti gli altri, non si presentò nessuno.

 

 



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata