Notizie | Commenti | E-mail / 06:05
                    








Canicattì, crisi dei produttori di uva da tavola: Castagna (Cia Sicilia) scrive all’ABI chiedendo il rinvio di tutte le scadenze bancarie

Scritto da il 23 novembre 2019, alle 07:06 | archiviato in Canicattì, Costume e società, Cronaca, Economia, Photo Gallery. Puoi seguire ogni risposta attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o un trackback a questo articolo

“Chiediamo al sistema bancario di aiutare gli agricoltori produttori di uva da tavola con il rinvio delle cambiali agrarie e, in generale, di tutte le scadenze bancarie di mutui e prestiti contratti dagli agricoltori con le banche”. Lo scrive in una lettera inviata all’Abi (Associazione bancaria italiana) Rosa Giovanna Castagna, presidente regionale della Cia Sicilia intervenendo sulla complessa campagna dell’uva da tavola per larga parte compromessa.

Pur essendo presenti due IGP con i rispettivi Consorzi di Tutela: IGP Uva Italia di Canicatti e IGP Uva da tavola di Mazzarrone, da due anni gli agricoltori produttori di Uva da tavola non riescono a “fare reddito”.

“I produttori ricevono una remunerazione molto bassa – evidenzia Castagna – che si attesta intorno ai 40 centesimi/kg per le varietà tradizionali, solo le varietà apireni spuntano un prezzo più alto. In Italia i canali di sbocco sono rappresentati dalla Gdo (Grande distribuzione organizzata) che spunta prezzi elevati a causa di troppe speculazioni lungo la filiera. Il mercato estero è in forte flessione”. “Lo scorso anno a causa del Cracking ovvero dello spacco dell’acino – aggiunge Castagna – vi è stato un forte deprezzamento del prodotto che ha generato minor prezzo di vendita, quest’anno vi è una grave crisi di mercato, accompagnata a deprezzamento commerciale del prodotto causa eventi metereologici. Le quantità vendute sono poche e spesso a prezzi che non coprono neanche i costi di produzione”.

Nell’aula consiliare del comune di Mazzarrone, uno dei comuni che risente maggiormente di questa crisi, si è tenuta recentemente una affollata assemblea voluta dalla CIA-Agricoltori Italiani, a cui erano presenti oltre i dirigenti CIA, circa 200 agricoltori, amministratori locali, sindaci e rappresentanti dei Consorzi di tutela, a seguire vi è stato un incontro con l’assessore Bandiera che si è reso disponibile a sostenere il comparto, condividendo le richieste formulate da Cia Sicilia affinché questo comparto possa essere messo nelle migliori condizioni di uscire definitivamente dalla crisi.



Loading...


   Clicca e Condividi su Facebook |

Clicca per consigliare questo articolo sulla ricerca Google



Invia per mail l'articolo o stampalo in PDF



Lascia un commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni della testata CanicattiWeb.com.
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
Ad esempio, i commenti e i nickname non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie punite dalla costituzione

I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti non verranno pubblicati.
Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Spazio Pubblicitario

Loading...




CanicattiWeb.com su Facebook

Sondaggio


Testata giornalistica online registrata presso il Tribunale di Milano n° 272 del 10/06/2009 - ISSN: 2035-6617 -
| Versione SPD | Supporto Tecnico e Hosting Bluermes Comunicazione Integrata